Torta plum cake senza glutine

E’ da un secolo che non scrivo e torno finalmente con una torta davvero speciale!!

Ingredienti per una tortiera da 22 cm:
250 g polpa cotta di zucca
200 farina di riso
40 g farina di saraceno
40 g amido di riso
140 g zucchero
80 ml olio di semi di girasole bio
100 ml latte di riso
1 bustina di lievito per dolci
mandorle a lamelle
scorza di un limone bio grattugiata
1 pizzico di sale

Procedimento:
Facilissimo, mescolare tutti gli ingredienti secchi (tranne le mandorle a lamelle e la scorza di limone), accendere il forno a 180°C. In un barattolo capiente mettere zucca, olio, latte di riso, scorza di limone chiudere bene con un coperchietto e agitare molto bene, fino quasi a “montare” il tutto. Mescolare ai secchi e versare in una tortiera coperta con carta forno. Decorare con le mandorle e d infornara a 180°C per 40 minuti circa. (Il mio è un forno a gas). Alla fine, sfornata la torta, si può mettere della granella di riso.

Il punto
L’ho intitolata “plum cake” perchè la consistenza è proprio uguale a quella di un plum cake appunto!! E’ buonissima (modestie a  parte!!).
Ecco una fetta!!!

Buona torta a tutti!!!!!

  1. Rientri alla grande! Grazie per questa fantastica ricetta, da tempo mangio senza glutine anche se non sono intollerante, mi sento comunque molto meglio 🙂

  2. Grazie Francesca!!! 🙂 🙂 Sono felice ti ispiri la torta!! Mi sa che tutte le mie ricette sono senza glutine: non lo tollero pur non essendo celiaca e sono molto più leggera da quando lo evito (da circa 8 anni!!). Un abbraccio!!!

  3. Ciao Terri, concordo sul glutine,bisognerebbe ridurlo. Ottima ricetta.

  4. cerchiamo di fare chiarezza con semplici termini.
    attenzioni alle diete senza glutine, da troppo tempo va di moda e si sentono frasi come “da quando l’ho tolto sto meglio”
    in tutti gli alimenti ci sono sostanze nutrizionali e antinutrizionali, in qualsiasi categoria dalle carni alle verdure.
    il glutine è una proteine che in chi è celiaco causa infiammazioni e gravi danni.
    con la diffusione dei prodotti celiaci molte persone han seguito il trend, in un individuo sano viene naturalmente denaturato nello stomaco,digerito e spezzettato nei suoi singoli aminoacidi.
    una piccola percentuale di persone possono sviluppare una indegiribilità o intolleranza a questa proteina, ma il consumo per essi non porta a conseguenza grave.
    il problema vero è l’abuso dei cereali raffinati, cosciente o no, che porta a ingrassare e gonfiare, per questo una volta eliminati i cibi che si crede contengano glutine ci si sente più leggeri, vengono tolti chili e chili di cibi “sporchi” ma il problema non sta nella proteina di per sé

    bless and love!

  5. Grazie Veruska😘😘 Davvero sto molto meglio da quando non lo uso più❣❣

  6. Ciao Luca, sono d’accordo sul fatto che tanti prodotti per celiaci (non tutti fortunatamente), sono davvero un concentrato di amidi che credo aumentino l’indice glicemico e non sono certo “sani”. Infatti mi sono dovuta ingegnare per autoprodurre! Personalmente da quando ho tolto il glutine non ho più tanti problemi e non credo sia un caso! Dalla costipazione ai problemi intestinali, dalle tachicardie ai crampi, solo per citarne alcuni. E sono sicura sia quello perchè non sono passata di botto al veg! E poi, come credo concorderai, il grano di larga diffusione che c’è ora è talmente raffinato da essere mooolto lontano dall’essere sano. Non per tutti sarà così proprio per l’unicità che ci distingue, se a te non crea fastidi….beato te 😉😉.
    Per quel che mi rigurda continuerò a non assumere glutine guadagnando salute.

  7. non lo metto in dubbio che stai meglio T, se sei intollerante è giusto, il mio non voleva assolutamente esser un attacco a te,assolutamente, nutro troppa stima nei tuoi riguardi e mai lo farei, spero non ti sia risentita
    il mio era solo un chiarimento sulla situazione in generale, viviamo nell’era dell’informazione e seguire le mode facendosi del male mi sembra veramente ridicolo, io son sempre dalla parte della verità scientifica e non “demonizzo” mai alcun alimento, veg o meno
    poi come dico sempre, ognuno nella propria strada deve camminare come vuole!

    bless and love!

  8. Io , più che evitare il glutine, evito il frumento… Su questo siete entrambi d’accordo sul fatto che sia poco sano, specialmente per la sua catena di produzione intensiva: sfruttamento dei terreni, bomba di sostanze chimiche tra fertilizzanti, pesticidi , diserbanti ecc.. , raffinazione estrema. Secondo me ci sono tanti cereali meravigliosi da poter cambiare a rotazione, da avere una scelta apprezzabile. Alcuni contengono glutine, magari anche solo in minima parte (avena e segale, se non erro) , altri ne sono naturalmente free ( miglio, quinoa, grano saraceno, riso di ogni varietà, sorgo, amaranto, teff. E forse ne dimentico qualcuno).
    Io credo che l’importante sia la misura, noi mangiamo troppa pasta-pane e farinacei in genere.

  9. Gluten free o non, a me questa ricetta piace! E io me la papperei tutta da sola!!! Adoro la zucca in tutte le sue declinazioni!!

  10. @Luca: mi arricchiscono sempre i tuoi articoli di approfondimento e mi sarebbe davvero spiaciuto averti in qualche modo deluso❣❣ Grazie per tutti i tuoi approfondimenti🤗🤗😘😘
    @Dianello: grazie per il commento. Sono d’accordo con il fatto che in generale le abitudini alimentari pendano molto più sui cereali. Anch’io ho sostituito il grano con saraceno, miglio, quinoa, riso, amaranto e a volte l’avena (non essendo celiaca me la concedo anche se non ho ben capito se abbia o no glutine, ma se fosse sarebbe davvero un quantitativo piccolo). A presto 😀😀
    @Dida: grazie🤗🤗😘😘😉😍 Purtroppo ho dovuto “peccare” mettendo un pochino di amido e lo zucchero…ma si possono fare varianti 😉😉

  11. esatto D la varietà è una saggissima scelta
    tendo solo a ricordare che troppo spesso ci si accanisce contro “un alimento/elemento” ecc additandolo delle peggiori cause, quando basta uscire a piedi in una qualsiasi città e semplicemente respirare aria molto peggiore…..

    bless and love!

  12. Luca però credo sarai 100% d’accordo se affermo che senza derivati di latte e latte di qualsiasi specie si stia moooolto meglio…no? Non credo sia sano nutrirsi con un alimento così prezioso ma dedicato a cuccioli di una determinata specie apunto…no? Go veg! Ah ho dimenticato il regalo più bello che mi ha fatto il non assumere glutune…coincidenza forse…ma non sono più allergica al gatto…vivo ora in appartamento con ben 7 gatti!

  13. certo T, il latte come alimento per qualsiasi specie vivente che lo produce e lo utilizza serve solo per lo svezzamento, non per altri “usi” e in altri stati della vita

    bless and love!

  14. Gnam! Fa venire l’acquolina!

  15. Grazie Different 🙂 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti