Porridge esagerato di miglio al sapore speziato

Loading Likes...

Io ormai sono diventata porridge dipendente, mi piace la consistenza cremosa, leggerezza e soprattutto la possibilità di scattenarsi in cucina con tanti sapori,colori e abbinamenti. Ho la fissa per i colori, per fortuna la Natura ce ne offre tantissimi..Porridge esagerato di miglio al sapore speziato,con cime di rapa e cavolo viola marinato in agrodolce. GNAM!!Ingredienti:
batata dolce
zucca
patata viola Vitelotte
porro
aglio
cime di rapa
acidulato di Umeboshi
salsa Shoyu
olio evo
tandoori masala
garam masala
curcuma
miglio
gomasio
semi di girasole
prezzemolo
erba cipollina
lievito alimentare in fiocchi Baule Volante
Procedimento:
Per prima cosa va cotto il miglio. Lavatelo bene e poi mettetelo a cuocere in una pentola capiente. Io lo cuocio per assorbimento. Porto a bollore e poi abbasso la fiamma e lo lascio andare sotto il coperchio fino al’assorbimento del liquido. Il porridge deve essere cremoso e morbidissimo. Aggingete 1-2 cucchiai di lievito alimentare. Ora lessate le patate Vitelotte con la buccia. Appena sono cotte schiacciatele con lo schiacciapatate. Salatele e mescolate delicatamente per non farle appiccicare. Mettete a marinare il cavolo viola con aceto di mele,acidulato di Umeboshi,salsa Shoyu e zucchero di canna. In una padella mettete olio evo, le spezie,zucca, porro e batata tagliate a pezzetti. Iniziate a soffrigere per attivare le spezie. Sfumate con acidulato di Umeboshi, salsa Shoyu e acqua. Proseguite la cottura finchè le verdure non sono morbide. Ora preparate le cime di rapa, faccendole cuocere con poco olio evo, peperoncino fresco e acqua. Aggiustate di sale. Preparate gomasio con i semi di sesamo bianchi e neri. Abbrustolite i semi di girasole. Tritate il prezzemolo e erba cipollina.  Assemblate il vostro porridge come più vi piace. In ultimo un giro di olio evo e una bella mescolata al tutto!

  1. Molto bello colorato! Bella ricetta

  2. Un solo commento: stupendo!

  3. ricetta colorata e gustosa la provero. Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti