Scoby con piselli

Questa è un incredibile versione vegan del classico calamari con piselli. Al posto del calamaro si usa lo SCOBY del kombucha !!! È perfettamente edibile e in cottura diventa gommoso, con la consistenza del calamaro o del polpo.
SCOBY con piselli
Ingredienti:
300 g di scoby
15 g di alga kelp in polvere
15 g di alfa carragenina in fiocchi
300 g di piselli
150 g di cipolle
pepe nero in grani
sale q.b.
acqua q.b.
Procedimento:
Preparare la marinata con le alghe e acqua. Marinare lo scoby per 24-48 ore in frigo per evitare che gli zuccheri delle alghe riattivino la fermentazione. Rosolare la cipolla senza olio e aggiungere un po’ di marinata se necessario per evitare che la cipolla si bruci. Aggiungere piselli, pepe e sale. Cuocere fino metà cottura. Infine aggiungere lo scoby tagliato a fettine. Continuare la cottura fino a ottenere il grado di “rigidità” desiderata dello scoby e la morbidezza dei piselli, eventualmente aggiungendo il rimanente della marinata. Più si cuoce più lo scoby diventa duro ed elastico.
Considerazioni:
Che dire, la scoperta che lo scoby sia commestibile e anzi, faccia incredibilmente bene all’intestino è stata una delle ultime meraviglie di cui sono venuta a conoscenza. Questo piatto è ricco di fibre e non ha carboidrati netti. Perfetto per diete chetogeniche visto che anche i piselli sono ammessi in abbondanza in questo tipo di diete low-carb !!!

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (3 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...
  1. Ma dove hai trovato lo scoby

  2. Benvenuta Rita 😃😃 Che strano questo ingrediente!! Di cosa si tratta? E dove lo trovi? Grazie

  3. bentornata R, è davvero un enorme gioia leggerti di nuovo!

    bless and love!

  4. Mai sentito parlare di questo alimento….interessante, lo cercherò

  5. Grazie Luca. Torno dopo tanti mesi. Ho trovato veganblog molto cambiato, non ho ancora deciso se mi piace come un tempo. Volevo solo condividere questa ricetta che ho scoperto di recente e ho trovato molto interessante.

  6. Terri, Gnappa lo SCOBY (symbiotic culture of bacteria and yeast) è lo strato gommoso che si forma quando si prepara il kombucha. Devi averne un pezzo iniziale (che trovi su Amazon oppure te lo fai regalare da chi fa kombucha). Dopo un po’di mesi che fai il kombucha ti ritrovi con tanto di quello scoby che non sai cosa fare. Ne ho buttato tanto ma poi ho scoperto che si può mangiare e che anzi fa benissimo. Risultato: ora non ho abbastanza scoby per farci il kombucha e per usarlo in cucina 😀 😀

  7. non ti nego R che all inizio anche io ero in difficoltà con il refresh el sito, ero abituato alle vecchie maniere, ma senza cambiamento non c’è sviluppo e ora questa nuova versione mi piace moltissimo, c’è molta positività e nuovi stimoli periodici. Spero che ci sarai nuovamente in futuro

    bless and love!

  8. Luca, tanto per incominciare non mi piace per niente il fatto che per inserire commenti debba usare Internet Explorer come browser invece del mio preferito (alla faccia di Bill Gates!!). Inoltre, ci sono voluti oltre 10 giorni per vedere la mia ricetta pubblicata. E ancora, vedo ricette inserite come nuove mentre sono leggere modifiche a ricette già inserite in passato oppure prese da altri siti (foto comprese). Mah ancora sono perplessa, e devo dire che trovo più riscontri postando su FB in gruppi dedicai e tematici. Insomma VB mi è sembrato molto scaduto … sigh … ecco perché non ho inserito più nulla. BTW tutto ciò è iniziato da quando si sono messi a recensire prodotti confezionati, che per altro non acquisto MAI, visto che preparo tutto in casa utilizzando materie prime che posso controllare a piacimento.

  9. Se non ricordo male lo scoby lo acquistai su amazon.it ma tanto tempo fa. Spesa per due bei pezzi intorno ai 15 euro, completi di liquido (molto importante che ci sia!!) Due pezzi bastano e avanzano. Da allora produco kombucha a rotazione e ora ho dovuto fare uno scoby hotel per coltivare scoby extra che non uso. Lo scoby cresce cresce e non la smette mai, sembra una di quelle strane creatire fantascientifiche che si riproducono e invadono il pianeta !!!! 😀 😀 😀
    Se conosci qualcuno che prepara kombucha sono sicura che sara lieto di regalartene un pezzo.

  10. Ah ma mi sembravi tu, Rita 😀😀 Allora bentornata😀😀 Sono arrivata anch’io a 7 gatti!! 6 femmine e un maschio!! Mi spiace non ti trovi bene con il nuovo VB …le tue pubblicazioni saranno una ricchezza aggiunta alle ricette e alle recensioni come questa!!! Baci

  11. Le tue ricette Rita, sono sempre state interessanti e particolari. Mi hai fatto conoscere alimenti che assollutamente ignoravo. Come questo ad esempio. Il piatto davvero bello mi piacerebbe assagiarlo. Per quanto riguarda il nuovo sito – anche io faccio fatica abituarmi. Inizio era molto positivo, sono scomparsi errori,la navigazione è più veloce, ma mi sono scomparsi i miei utenti preferiti. Mi mancano i commenti di Lali, biscotti di Niki…la cosa invece che non mi piace proprio, è la votazione delle ricette. Non capisco su cosa basarsi per dare il voto? Voto perchè ho provato di persona la ricetta? Voto per amicizia, mi faccio votare perchè mi metto il link su FB? Per vincere? Mi piacerrebe tanto ritrovare i vecchi nomi come una volta..

  12. Concordo 100% con te Veruska. Non so se avrò voglia di dedicare tempo a pubblicare qui su VB. Ormai non c’è più l’entusiasmo di un annetto fa … sigh
    Cmq puoi vedere le mie ricette anche su FB. Sono iscritta a diversi gruppi interessanti. Praticamente nessuno è italiano: nei gruppi italiani c’è sempre troppa invidia e livore, meglio starne alla larga.

  13. MA soprattutto mi sono stancata di dovere usare IE per interagire su VB, O modificano le impostazioni di WordPress o io non ci perdo più tempo. Peccato.

  14. @Rita sinceramente io per VB non uso IE anzi uso Chrome o addirittura Firefox, quindi non capisco la difficoltà dell’interfaccia o dei parametri che si dovrebbero cambiare su WordPress.

  15. @veruska ti rispondo per il discorso votazione delle ricette. Il principio su cui si basa questa “chiamiamola” novità è quella di apprezzare un articolo nella sua interezza (cosa che in qualche modo avviene lasciando un commento positivo o negativo che sia) per come è scitto, per la qualità della foto, per l’dea della ricetta in toto, insomma che per un motivo o un altro ti è piaciuto qualcosa.
    Stesso concetto di altre piattaforme instagram, pinterest, twitter, facebook ma anche un qualsiasi blog (come il tuo) dove puoi inserire un LIKE. Quindi in quelle occasioni il tuo like riesce a discriminare per quale motivo lo hai dato?
    Magari metti il cuoricino e gli scrivi…Complimenti!…
    Quindi alla fine cosa cambia?
    Inoltre il nuovo sito ha ripreso molte vecchie funzionalità che aveva perso inizio anno e non si può certo negare questa cosa. Hai ragione qualcuno è andato via (magari non è legato al cambiamento del sito) e mi dispiace sperando che torni, ma c’è anche da dire tante altri chef si sono aggiunti. Sono stato il primo a scriverti qualche mese fà, per chiedere come mai non scrivevi più…penso che sia stato un gesto di vicinanza e di stima e come puoi vedere Veganblog non ha perso quel senso di familiarità. Ovvio che tutto cambia e si evolve, questa può piacere o meno, tutti hanno diritto ad esprimere la propia opinione, ma bisogna anche capire che qui siamo per migliorare e anche queste critiche possono aiutarci. Ti saluto

  16. Non ne ho idea Francesco. Ma come ti ho già indicato in PVT io uso Maxthon e quando inserisco un commento mi da sempre il seguente errore
    “ERRORE: I commenti sono stati temporaneamente disabilitati per impedire di fare spam. Prova più tardi.”
    Ovviamente ora sto scrivendo con IE. Quanto a WordPress, o cosa bisognerebbe cambiare o se sia un suo baco interno, beh non ne so nulla perché sono anni che non mi occupo più di siti Web.

  17. PS so che a molti Maxthon Cloud Browser è come fumo negli occhi perché è CINESE, ma io mi trovo benissimo, fin’ora il miglior browser che abbia mai usato.

  18. Non buttate lo scoby, piace molto anche a cani e gatti.

  19. ciao a tutti, mi spiace ammetterlo, ma il fatto che si debba aspettare così tanto per veder pubblicata una ricetta, si, da noia. Oltretutto non comprendo il perchè, visto che le ricette restano in alto per davvero molto tempo. Ricette anche di svariati giorni, restano su e non si lascia spazio alle nuove. Credo che questa questione sia da rivedere, perchè prima pareva molto più snello. Ora sembra tutto più lento. E’ una mia opinione, sia chiaro

  20. @LaFra ciao e grazie della tua segnalazione 🙂
    Prima di tutto vorrei che passasse questo messaggio che il ritardo o la lentezza nelle pubblicazioni,come tu affermi, non è dovuta a motivi personali o altri fattori esterni. Confermo che a volte capita che alcune ricette possono essere pubblicate con qualche giorno di ritardo, ma questo è dovuto dal fatto di dare visibilità in modo adeguato a tutte le vostre pubblicazioni e fare in modo che ci sia un’alternanza nel rilascio. In media ci sono circa due ricette al giorno. Nel perido estivo siamo passati ad una ( sempre di media ) per ovvi motivi l’arrivo dell’estate e delle ferie degli chef. Ti assicuro che è tutto mio interesse che le tue, come quelle degli altri chef, vengano pubblicate apprezzate e valutate nel miglior modo possibile, anche perchè dedicate tempo e tanta passione e attenzione nel postare le vostre ricette. Quindi ti chiedo scusa se qualche tua ricetta ha avuto ritardi, ma ti prego di credere alla mia buona fede. Per qualsiasi cosa scrivi pure a promo@veganok.com sarò ben lieto di risponderti in PVT perchè qui nel post di @Rita

  21. nel periodo estivo il blog è sempre stato “in vacanza”, un po’ meno attivo diciamo, ma si riparte poi sempre in meglio

    bless and love!

  22. Francesco, ma ci mancherebbe che io possa pensare che i ritardi siano dovuti ad una qualche simpatia/antipatia. Non mi è mai nemmeno balenato in mente.
    le mie erano solo considerazioni, niente di più 😉
    grazie comunque per le risposte!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti