Dolce come un Babà

Il babà è il tipico dolce della pasticceria napoletana, di solito si trova nella solita forma piccola a mò di fungo o tonda, con o senza panna, oppure con crema pasticcera o crema di nocciola al cioccolato,  a forma di ciambella, di solito decorata con panna e fragole o frutti di bosco, spesso contornato da tanti piccoli babà. Per prepararlo ci vuole solo un pò di pazienza, in quanto deve lievitare per qualche ora, per poi essere rimpastato più volte e anche tanta pazienza per bagnarlo, ma alla fine, vi assicuro che ne vale la pena. Oggi ve lo presento nella mia versione veg. Ho usato la farina manitoba, chiamata anche farina americana perché è una farina definita forte, contiene molte proteine insolubili, quindi molto glutine, adatta alla lievitazione e rende l’impasto molto elastico, una delle caratteristiche principali del babà, perché, quando viene bagnato non deve sbriciolarsi.

Ingredienti:
300 g di farina manitoba
80 g di margarina vegetale o di soia a temperatura ambiente
250 ml di latte di soia
40 ml di acqua tiepida
25 g di lievito di birra
30 g di succo d’agave
pizzico di sale
composto di lecitina: 1 cucchiaio di lecitina+1 cucchiaio di olio di girasole+3 cucchiai di acqua+ pizzico di curcuma

Ingredienti per sciroppo per bagna:
1 l di acqua
1/2 kg di zucchero (di canna)
250g di Rhum

Decorazione:
panna di soia
fragole fresche

Procedimento:
Preparare il composto di lecitina di soia, mettere tutti gli ingredienti del composto (lecitina, olio, acqua e curcuma nelle dosi indicate negli ingredienti) in una ciotola e frullare il tutto in modo che la lecitina si sciolga e diventi cremosa.In un’altra ciotola mettere  solo 100 g di farina(il resto verrà messo dopo), sciogliere il lievito di birra in 40ml di acqua tiepida, versarla nella farina ed impastare il tutto con le mani, coprire con un canovaccio e lasciare lievitare per un ora. Dopo un ora, mettere l’impasto lievitato in un’ impastatrice o il bimby,  altrimenti in una ciotola usando un frullatore con le fruste per impastare, aggiungere il composto di lecitina, il restante della farina, la margarina, il succo d’agave, un pizzico di sale, il latte di soia (anche di più di quello indicato se l’impasto risulta troppo duro), impastare, coprire con un canovaccio e lasciar lievitare per un’ altra ora.
Rimpastare di nuovo e versare il composto in uno stampo per il babà (da 28cm)  precedentemente unto con margarina e spolverato con farina, livellare il composto con un cucchiaio e lasciar cresce per almeno 2 ore in estate e 4 ore in inverno.L’impasto deve superare il bordo formando un cappello che trasborda. Di solito metto direttamente a crescere il babà nel forno spento e quando sarà cresciuto, accendo il forno a 180°C  e quando arriva a temperatura  continuo la cottura per circa 30 min o più fin quando la superfice assumerà un bel colore brunito.Sfornare il dolce e adagiarlo su di un grande piatto ed aspettare che raffreddi per bagnarlo(meglio ancora il giorno dopo). Mettere in un pentolino acqua e zucchero e sciogliere sul fuoco. Quando l’acqua sarà tiepida aggiungere il rum e bagnare con l’aiuto di un cucchiaio tutta la superfice e i laterali. Per questa operazione ci vuole tanta pazienza perché bisognerà ripetere varie volte( 4 o 5 volte) raccogliendo lo sciroppo che si accumula sul fondo.
Montare la panna  di soia a neve e decorare la superfice, guarnire con le fragole e mettere in frigorifero.
Un consiglio:  preparare dello sciroppo in più, quando si serve la fettina di dolce, il centro  po’ risultare asciutto, quindi si può ribagnarla ed  aggiungere anche altro rhum se si desidera.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle (35 voti, media: 3,83 su 4)
Loading...
  1. complimenti all impegno e alla dedizione

    bless and love!

  2. È strepitoso! Molto bello da vedere… e sicuramente squisito!!!

  3. Accidenti che spettacolo!!!!!! 😀

  4. Non solo e un dolce bello da vedere ma lo ruberesti dal monitor per quanta voglia fa venire. Bravissima.

  5. Vederlo in chiave Vegan mi ha emozionato. Dove sono nato si dice spesso:”sei bello comm nu babba”
    E la tua foto conferma quel detto.

  6. Che meraviglia! Bravissima

  7. Silvia Premoli 20 marzo 2017, 17:23

    Come vi ho già raccontato ho un debole per panna e fragole e vedendo questo spettacolo di dolce, bellissimo tutto mi sono entusiasmata. Vorrei tanto avere il tempo di preparare il babà con calma e quando vedo troppi passaggi o troppi impasti ho il timore di non essere all’altezza di tanta arte dolciaria! Intanto ho girato il link a una amica più abile di me per invogliarla e invitarla a prepare con me questo meraviglioso Babà. Sarà sicuramente un pomeriggio piacevole che chiuderemo in dolcezza. Go vegan!

  8. Renata Balducci 23 marzo 2017, 08:56

    Ricetta straordinaria!
    L’abbiamo raccontata a Radio Kiss Kiss Napoli !

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti