Proteincrok Matt

Matt è un azienda alimentare che da anni si occupa di produrre cibi e bevande che mirano alla nutrizione e il benessere della persona, da qualche tempo ha anche iniziato a produrre una linea completamente vegana, chiamata appunto Vegan Style di cui fa parte questa barretta ProteinCrock che ho testato in questi giorni. Mi sono convinto nel testare questa barretta, perché di solito io ho sempre provato barrette dolci, mentre questa, tra le sue caratteristiche, è di tipo salata.

GIUDIZIO PACKAGING:

Visibilità marchio VEGANOK sul fronte:
La Protein crock è contenuta, assieme ad altre 15 sorelle, in una scatola più grande di dimensioni abbastanza ridotte 18×14, era riposta sullo scaffale nel reparto biscotti e ha attirato la mia attenzione per il suo colore a fondo bianco e il paesaggio su di esso raffigurato (ha portato indietro nel tempo alla campagna che vedevo quando andavo dai miei nonni). La barretta è confezionata con la stessa immagine della scatola che la contiene. Ne prendo una, mi risulta leggera tra le mani, infatti pesa 36 g e ha dimensioni molto comode 13×5 che ti permette di poterla portare con sé in qualsiasi luogo. Anche in queste dimensioni cosi ridotte il marchio VEGANOK è ben distinguibile, sul fondo bianco che sovrasta un insieme di cereali, frutta e legumi, come quasi ad indicare che sono stati quel mix di ingredienti naturali a farle avere quella certificazione. Spostandosi verso destra, troviamo l’indicazione che Protein crock è a base di sesamo e la scritta in rosso “senza glutine” (unica di quel colore le altre sono tutte in verde scuro) è ben evidenziata; segue il nome e una foto della barretta, il tutto sotto il simbolo della MATT a fondo blu con il gabbiano. Una volta tra le mani, la curiosità è quella di sentire la forma interna della barretta e schiacciando leggermente pollice e indice per capirne lo spessore e la larghezza, al primo contatto la plastica che avvolge lo snack sembra di buona qualità, rigida che non permette alla barretta di subire uno sbriciolamento, insomma non fa una piega.

Leggibilità codice azienda VEGANOK sul retro
Anche il codice azienda (0237) è messo in buona evidenza è posizionato a destra su uno dei due lati più stretti ed è, visibile facilmente facendo ruotare la barretta su se stessa. Vi ricordo che, come in questo caso, cosi per tutti i prodotti VEGANOK, il codice azienda permette di risalire a tutte le informazioni del produttore semplicemente collegandosi al sito www.veganok.com.

Leggibilità elenco ingredienti
Sullo stesso lato, dove è riposto il codice di azienda VEGANOK, troviamo l’elenco ingredienti molto chiaro con scritte di una certa dimensione che permettono di leggere il contenuto della protein crok. Tutti gli ingredienti, sono naturali e conosciuti, non ci sono nomi strani, ne zuccheri aggiunti. Ci sono in grassetto tre scritte, ricco di…Proteine, Fibre e senza glutine sono i nutrimenti che MATT cerca di fornire a chi assume questa barretta salata con gli ingredienti indicati.

Veridicità dell’immagine presentata sulla confezione del prodotto
L’immagine presente sull’incarto corrisponde esattamente a quella che ho trovato aprendo la confezione, quindi sono contento di non essere stato deluso al momento dell’apertura e che l’azienda non abbia fatto modifiche tali da attirare il consumatore.

Veridicità della descrizione sulla confezione del prodotto
Ecco sull’altro lato della confezione nonostante le dimensioni non proprio faraoniche si può leggere una tabella nutrizionale ben chiara e senza fronzoli, la cosa che mi ha colpito, sarà una mia fissa, che i grassi saturi (quelli sono più dannosi) sono solo 0,7 g sull’intera barretta, poco sale, ma con tante fibre e proteine e ovviamente i carboidrati.

Completezza informazioni sul corretto uso del prodotto
E’ un prodotto già pronto all’uso, sulla confezione non è indicato come utilizzarla in usi diversi da quello che si fa solitamente con una barretta snack. In fondo a questo articolo, c’è un esempio di come io l’ho usata in situazioni particolari come spezza fame e come ingrediente per creare una pietanza. All’apertura della confezione, resto un po’ sorpreso perché credevoo che ci fosse nel suo interno una sola barretta, invece il numero di barrette da 1 cm di spessore con dimensioni 3*9 sono due, comoda questa soluzione, perché la seconda barretta può essere consumata anche in un secondo momento. Le barrette sono resistenti, ma friabili, all’apertura (ne ho aperto più di una confezione) nessuna barretta era rotta o sbriciolata. L’odore dell’origano la fa da padrone, è molto intenso e rende questo snack quasi come se fosse un pezzo di pizza bianca. Le dimensioni non devono trarre in inganno, con una confezione si riesce a tamponare qualsiasi buco dovuta alla fame, saziano eccome, io l’ho usata come spezza fame energetico, prima dello sport. Una volta spezzata, il colore dell’interno è uguale alla superficie esterno, quindi vuol dire che vi è completa assenza di ossidazione durante il confezionamento.

Impatto ambientale del packaging
Manca l’indicazione su come deve essere smaltito l’incarto, anche se è intuibile che va gettato nel contenitore della plastica.

Altre osservazioni
La confezione si apre senza difficoltà e permette di mangiare anche un solo pezzo, dei due disponibili, e mangiarlo usando l’incarto come tovagliolo, nel caso siamo di corsa o per strada. La confezione, non è una di quelle apri e chiudi, ma la seconda barretta può essere conservata nella sua confezione originale, perché resta ben protetta senza scivolamenti accidentali per essere poi consumata dopo.

Giudizio complessivo sul packaging
Il giudizio complessivo è più che positivo, è tutto ben chiaro sia in termini di loghi, che di scritte tutte ben leggibili, considerando che stiamo parlando di dimensioni di una barretta, non posso pretendere nulla in più. Poco spazio, ma ci sono tutte le informazioni utili che servono a capire se comprare o meno lo snack. Insomma senza fronzoli, solo semplicità, un po’ come gli ingredienti che la compongono.

GIUDIZIO PRODOTTO:

Aspetto Nessuna sorpresa, anzi una sola conferma di quello che si vede dall’incarto. Quindi in linea alle aspettative.

Sapore Anch’io come altre persone immagino una barretta con retrogusto dolce, ma la proteincrok è rustica, ha un gusto deciso, è forte negli aromi. Insomma è un prodotto che ha una sua impronta e non può essere scambiato per un altro prodotto simile, credo che sia una delle poche barrette cosi ben delineate con una propria identità. In pratica o la si ama da subito oppure…

Consistenza
Al tatto, la barretta è ben strutturata, risulta compatta e resistente. Al morso non tende a sbriciolare, ma si stacca in modo compatto, senza sforzo il composto è molto friabile, quasi si scioglie in bocca. Pensavo che fosse più secca invece mi ha sorpreso, forse troppo speziata a mio avviso e per chi non le tollera può trovarsi un po’ a disagio.

Qualità degli ingredienti
La qualità degli ingredienti fa capire che questa barretta è un buon prodotto e di qualità, non troppo secco, c’è una buona presenza di olio di oliva, magari meno origano potrebbe far esaltare ancora di più la qualità del mix di ingredienti ben assortiti tra loro.

Quantità del prodotto
I quasi 40 g di prodotto permettono di dare tanta energia, che io personalmente l’ho usata prima di andare in piscina, ho qualche confezione di Proteincrok nel cassetto dell’ufficio, nel caso di attacchi di fame mi evita di assalire il distributore delle merende presente sul posto di lavoro. Ogni confezione, è la giusta quantità per avere un beneficio, sia in sazietà, che in termini di salute.

Formato
Il formato non si differenzia rispetto ad altri prodotti simili in commercio, di sicuro dividerla in due pezzi, per me è stata una bella idea.

Prezzo
Si trova online oppure nei negozi specializzati e i prezzi variano da 1,30 a 1,50 direi perfetto per una confezione, più di un caffè, meno di tanti snack in vendita.

Giudizio complessivo:
Un prodotto sinceramente da consigliare a chi ama i sapori forti e amante del gusto salato, unico nel suo genere. Ben confezionata, ottima la confezione molto luminosa e comunicativa.

Pagina prodotto:
https://www.veganok.com/it/product/protein-crok/

Pagina azienda:
https://www.veganok.com/it/company/matt/

Altri prodotti della stessa azienda:
https://www.veganok.com/it/products/matt/

Il mio utilizzo in cucina:
Io ho utilizzato questa barrette per creare una cheese cake salata. Il fondo ho usato due confezioni di barrette sbriciolate e su cui ho versato una crema di tofu e carciofi, prezzemolo e coriandoli di limone che hanno completato il piatto, che ne dite?

  1. Silvia Premoli 7 gennaio 2017, 23:14

    La cheese cake salata che hai preparato utilizzando le barrette è invitante e ha un bellissimo aspetto! Da come hai descritto le barrette ProteinCroc credo che incontreranno il mio gusto. Io ne ho acquistate diverse in passato trovandole spesso troppo dolci e appiccicose o di una consistenza che trovavo poco piacevole. Credo che con questo prodotto potrei proprio ricredermi!

  2. La barretta si presenta bene, ma la tua cheese cake,non è da meno. Anzi,è proprio favolosa.Complimenti.

  3. Boh, anch’io ho avuto modo di assaggiare queste barrette e devo dire che se inizialmente mi avevano un po’ spiazzato proprio per il sapore salato e di verdure, poi ho invece apprezzato l’originalità e il fatto che in poco spazio ed in due barrette separate, ottengano esattamente lo scopo prefissato, oltretutto lasciando in bocca la sensazione di aver mangiato normalmente e non di aver mangiato un dolcetto.

  4. Grazie Veruska sempre gentile.
    La particolarità di questa barretta è proprio il suo restrogusto salato, all’inizio (non essendo abituato) mi ha lasciato un pò cosi, tra curiosità e meraviglia. Ogni morso è stata una sorpresa e si apprezza sempre di più man mano che la si mangia.
    La cheese cake salad fatta con queste barrette ha creato un bel mix tra fondo e crema. Ottima davvero Silvia, da provare assolutamente!

  5. Grazie Francesco,
    adoro queste barrette… perché non sono proprio le solite barrette e come hai esemplificato tu, sono ottime anche per preparazione di ricette…
    Chi lo avrebbe mai detto di una barretta?
    Questa tua ricetta la provo.. soprattutto perché mi hai incuriosita “assai” !

  6. Il sito è fatto bene, complimenti. Forse sono solo io diventata allergica alla pubblicità, ormai ce la propinano ovunque, speravo che almeno questo blog rimanesse un’isola felice. Il mondo del marketing è ovunque, me ne farò una ragione io ☺
    Buona giornata
    Lalla

  7. Lalla, mi permetto di dirti e dire che questo spazio delle recensioni, non ha nessuna finalità di marketing o pubblicizzazione fine a se stessa, ma è solamente uno spazio nato per consigliare,consigliarCi, farci conoscere a vicenda prodotti che possono piacere e che magari chi legge non ha mai provato per qualsivoglia motivo, per esempio io non consumo barrette , mai fatto, ma questa recensione mi ha destato curiosità e mi ha fatto conoscere un prodotto che non conoscevo assolutamente. Quindi che dire? Scopo raggiunto, ma non per questo si deve leggere questo spazio come una pubblicità….mi viene in mente una recensione di un cd o di un libro o al un locale o a un ristorante, non è una pubblicità a un autore o a qualche attività, è semplicemente un opinione su di esso……spero di esser stato leggibile e non troppo articolato!

    bless and love!

  8. Sono fantastiche! Io le sbriciolo nelle insalate e sono quel più che rende tutto più gustoso!

  9. Lalla buonpomeriggio, posso dirti che lo spirito di questo mio post così tutti gli articoli che troverai qui, sono delle vere e proprie opinioni personali e quindi in quanto tali opinionabili, ma non posso essere considerate delle pubblicità, ma sono solo un riferimento a cui tutti possono avere come guida, in modo cosi da farsi un idea di massima prima dell’eventuale acquisto. In parole povere è una recensione e in quanto tale potrebbe essere positiva e negativa. Ciò potrebbe anche servire, oltre orientare noi nella acquisto, all’azienda che la produce per capire se può ancora migliorare questo o un altro prodotto. Con queste indicazioni forse ora ti saranno più chiare le motivazioni e lo spirito di tutto questo, ma solo un delta, d’informazione, in più. Grazie per il tuo intervento, perché hai dato modo di fare chiarezza anche su questo aspetto.

  10. Grazie dell’interessante e utile recensione che dà un’idea precisa del prodotto… che voglio assolutamente provare! e complimenti per la ricetta!

  11. Uuh io adoro queste barrette! le mangio spesso e sono ottime. Anche io me le aspettavo dolci inizialmente, ma mi sono presto affezionata all’idea del break salato che, anzi, mi sembra addirittura più leggero!

  12. Luca e Basco, scusate, leggo solo ora. Grazie per le gentili risposte, ora ho più chiaro il motivo di queste recensioni ☺
    Grazie ancora e buona giornata
    Lalla

  13. Complimenti per la cheese cake Basco! 😉

  14. ecco, questa è per me una novità. sia la cheesecake salata che le barrette non dolci. sarebbe interessante rimanere stupiti da qualcosa che si pensi di un gusto ma alla fine rilevarsi tutt’altro.

  15. Giusto, come scive Nicolina!
    Possiamo utilizzarle per rendere croccante l’ìnsalata !!!

  16. Eh eh, vedo che non sono l’unica che si è messa in bocca questa barretta pensando fosse dolce…e…sorpresa! Salata ma buonissima! Superato lo shock iniziale l’ho gradita moltissimo, perfetta per uno spuntino al volo. Ne tengo sempre una in borsa, è l’unica barretta che mi soddisfa, tutte le altre contengono sempre frutta disidratata e sciroppi vari che mi fanno salire la glicemia alle stelle e più che sfamarmi mi lasciano con la voglia di divorare il mondo 😀

  17. Ciao Francesco e ciao a tutti.
    Bellissime queste analisi dei prodotti.
    Circa un anno fa in un negozio bio di Praga (patria della nostra grande Veruska) ho trovato queste barrette ma non della stessa marca ovviamente. Costavano una sciocchezza come pure molti degli altri prodottiin vendita. Ce ne erano di vari gusti e tutte salate. Erano deliziose se lo avessi saputo ne avrei comprate molte di più. Le ho mangiate come spezzafame o frantumate nelle insalate. Deliziose davvero e con le stesse caratteristiche di queste analizzate da Francesco.

  18. Grazie mille Giorgia 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti