Amaro orientale

Un amaro intenso di aromi, ma ricco di proprietà digestive. Un richiamo alla saggezza antica. L’uso di mirra e manna è noto anche 3000 anni prima di Cristo ed è tramandato dalla Bibbia. Il contorno di spezie lo rende tondo nel gusto e l’amaro rimane in bocca in modo persistente.Amaro orientale
Ingredienti :
1 l di alcol 95° per alimenti
10 g di assenzio
5 g di mirra
5 g di manna
10 g di angelica
5 fiori di cardo
5 noci verdi tagliate in 8 parti
3 cucchiaini di curcuma
1 rametto di rosmarino
5 foglie di salvia
5 g di zenzero
5 chiodi di garofano
5 cm di stecca di cannella
1/4 di noce moscata frantumata
1,5 l di acqua
200 g di zucchero di canna

Procedimento :
Unire all’alcol e far macerare per 15-20 giorni al buio tutte le componenti esclusi lo zucchero e l’acqua. Agitare di tanto in tanto. Trascorso il periodo aggiungere la metà dell’acqua e continuare la macerazione per 5 giorni agitando di tanto in tanto. Filtrare il tutto spremendo con un torchietto la parte solida che avrà assorbito liquidi e trattenuto sapori. Con l’alta metà dell’acqua sciogliere lo zucchero a caldo e quando il tutto si sarà raffreddato unirlo al filtrato. Agitare per mescolare ed imbottigliare. Resa l 2,6 a 36°. Voto 8.Amaro orientale_prep
Consigli:
Vista la presenza del mallo di noce è preferibile preparare il liquore verso la metà di giugno oppure, se avete del nocino già fatto, potrete aggiungerne 1 bicchiere a liquore ultimato e mescolare. Per quello che riguarda lo zucchero il gusto è soggettivo. La quantità che ho indicato serve solo a stemperare, ammorbidire il forte amaro dell’assenzio e a rendere l’amaro leggermente più morbido. Fate sempre in tempo ad aggiungerne. Nel caso usaste il nocino, che è dolce del suo, diminuite di 50 g lo zucchero.

Proprietà della mirra:
Ben note sono le sue proprietà terapeutiche soprattutto per l’azione astringente, disinfettante e cicatrizzante. Fin dall’antichità, infatti, la pasta di mirra era impiegata come rimedio naturale per lenire le ferite subite in battaglia; in Egitto, invece, oltre che ingrediente per il processo d’imbalsamazione, le donne la utilizzavano come maschera anti-rughe, usanza rimasta ancora oggi in Africa e nei Paesi arabi. In passato la mirra era impiegata come rimedio naturale come carminativo ed espettorante, per il trattamento delle infezioni delle prime vie respiratorie, disinfettante delle gengive, del cavo orale, ma anche come digestivo e disinfettante urinario. Ha anche proprietà analgesiche, ma bisogna andare molto cauti con l’assunzione per via orale per alcune controindicazioni a carico di chi ha problemi gastrici tipo gastriti ed ulcere.

Proprietà della manna:
E’ uno zucchero derivato dalla linfa delle piante. Quando la pianta subisce un trauma emette questa sostanza cicatrizzante. Il suo effetto sul nostro organismo è quello di lenire le irritazioni intestinali e funziona come leggero purgante tanto che è usato in pediatria.

Proprietà dell’angelica:
L’angelica presenta proprietà ed attività spasmolitiche, espettoranti, aromatiche, favorisce l’eliminazione dell’aria e l’evacuazione. Nella medicina popolare la tintura officinale di angelica viene utilizzata come aperitivo e digestivo.
In passato l’angelica era ritenuta una pianta utile nelle depressioni e nell’anoressia.

Proprietà del fiore di cardo:
Potente disintossicante del fegato e potente anti-ossidante.

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...
  1. Beh stavolta ti sei superato, MMM !!! 😆 😆 😆
    Hai fatto un liquore prezioso… oserei dire biblico! 😉
    Grande, mitico, sei sempre ed mejooooooooo 🙂 😉 !!!!

  2. Ripeto: er mejo !!! 😀
    (alla facciazza della tastiera) :mrgreen: 😡

  3. davvero manna e mirra!! :shock : in vendita in erboristeria ?
    W. MMM, COMPLIMENTI.
    ps:ho assaggiato un fiore di asfodelo, non è per niente stopposo!
    ha sapore delicatamente erbaceo.
    ciao e grazie.
    ahah Lali,la malnata tastiera…

  4. MMM questo è leggendario

    bless and love!

  5. Wccolo qui … mmm buono…

  6. Grazie a tutti . So che non è semplice trovare tutti gli ingredienti ma se ce la fate ne vale la pena anche se di amari ce ne sono tanti. nel frattempo ho lavorato con Achillea e fiori di sambuco essiccati. A presto .

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti