Pan di Spagna al cacao

Dopo il successone del Pan di Spagna di farro non poteva mancare la versione al cacao. Con questa ricetta potrete realizzare delle meravigliose torte farcite alla crema. Io ho realizzato una versione golosa con frutta che ha sorpreso la mia famiglia scettica ✌. Purtroppo non ho potuto realizzare delle belle foto, ma vi assicuro che il successo è garantito ?. Provatelo!2016-03-16 20.42.41
Ingredienti:
140 g di farina di farro bianca (o semi integrale di grano)
40 g di cacao amaro
70 g di fecola di patate
150 g di zucchero di canna
230 g di latte di soia (consiglio quello della Provamel che non contiene zuccheri, oli e sale)
150 ml  di olio di semi di mais
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di vaniglia bourbon

Procedimento:
Accendere il forno a 200° modalità ventilato. Oleare e infarinare una teglia da 20 cm di diametro, a cui aggiungere anche un cerchio ritagliato di carta da forno dello stesso diametro della teglia. In una terrina aggiungere la farina precedentemente setacciata, la fecola, il cacao, lo zucchero di canna, e la vaniglia. Mescolate con un cucchiaio di legno o con le fruste elettriche. Prendere 150 ml di latte di soia ed emulsionateli con l’olio di mais per bene. Aggiungere il latte miscelato con l’olio agli ingredienti secchi. Frullate o mescolate energicamente con un cucchiaio di legno, finché non otterrete un composto omogeneo. Infine aggiungere il lievito anch’esso setacciato e i restanti 80 ml di latte di soia e mescolare. Una volta ottenuto un composto omogeneo versatelo nella teglia precedentemente oleata e infarinata. Infornare nel forno precedente riscaldato abbassando però la temperatura a 180 gradi e cuocete per 30 minuti. In base al forno se volete gli ultimi 10 minuti potete abbassare nuovamente la temperatura a 160 gradi. Fate comunque la prova stecchino. Una volto cotto, lasciate il pan di Spagna altri 10 minuti in forno con lo sportello aperto prima di toglierlo. In questo modo non subirà l’effetto brusco del cambio temperatura e non si sgonfierà. Lasciatelo raffreddare capovolto su una griglia. Trascorsa 1 oretta circa, sarà bene freddo e potreste tagliarlo e farcirlo come più vi piace.

Note:
Con questa dose potete realizzare una torta a 2 strati. Dopo vari esperimenti ho potuto constatare che è importantissimo il latte di soia per questa specifica preparazione. La cottura è molto importante, regolatevi anche in base al vostro forno. Il mio consiglio è di non protrarre la cottura per oltre 35 minuti perchè tenderebbe a seccare e indurire il pan di Spagna.

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (No Ratings Yet)
Loading...
  1. Il pan di Spagna al cacao?? Dicci che non è un sogno! Ahaha una torta con questa delizia, e la crema di cous-cous è d’obbligo?? Speriamo solo il nostro forno sia d’accordo con noi!? ?

  2. Bello! Che dici, posso sostituire lo zucchero? Non lo tengo più nemmeno in casa…Ho agave, malto, concentrato di datteri.

  3. @EnricaAnnalisa: Non è affatto un sogno hahah :-D… anzi…

    @Dida: puoi sostituire lo zucchero con malto o agave ma regolati un po’ con i liquidi, di solito mettendo un dolcificante liquido varia, anche se di poco la consistenza perciò bisogna stare attenti sui liquidi. Se provi fammi sapere 🙂

  4. Si vede subito che è soffice, soffice…!
    Bravissima Marie! 😉

  5. vero N ha ragione

    bless and love!

  6. Ma 200 gradi è troppo!!!!! Si è bruciata dopo 15 minuti!!!! :0

  7. Se lo faccio raffreddare per bene e poi lo arrotolo per fare un rotolo farcito secondo te funziona? 😀

  8. @Niki: Grazie!
    @Giuliana: Hai ragione 200 gradi sono troppi per 30 minuti totali, infatti dopo averlo infornato la temperatura va abbassata a 180 gradi. Negli gli ultimi 10 minuti di cottura in base al forno, la tempertura può essere abbasaata a 160 gradi. Mi scuso per l’errore, ho già mandato un email agli amministratori del sito poiché possano modificare la ricetta. Grazie della nota.
    @Maud: Non ho mai provato ad impiegarlo come rotolo, poichè la ricetta è dosata per una teglia tonda di diametro 18-20 cm. Secondo me si porebbe provare ad usarlo su una teglia rettangolare (piatta) livellandolo per bene.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti