Gelato al tè macha

Matcha aisukurīmu o meglio 抹茶アイスクリーム 😆 Giapponese di sicuro, tradizionale non saprei, considerando i caratteri con cui viene scritto “gelato” (fonettizzazione giapponese dell’inglese “ice cream”!!) forse non è tanto washoku.

Ingredienti:
500 g di latte di soia (kcal 125, kcal 25/100 g)
20 g di te macha (kcal , kcal 0/100g)
50 g di stevia (o altro dolcificante, kcal 0.785, kcal 1.57/100 g)
3 g di gomma di xantano (kcal 2.28, kcal 76/100 g)

Procedimento:
Mescolare benissimo, con un frustino, tutti gli ingredienti in polvere. Utilizzare un recipiente alto e stretto, versare il latte e con una frusta elettrica incorporare lentamente le polveri. Frullare cercando di fare entrare il più aria possibile nel composto in modo che la gomma di xantano monti il tutto. Dopo pochi minuti il volume raddoppierà e diventerà spumoso, quasi come la panna montata. Quando il composto avrà raggiunto una bella consistenza compatta, al punto da reggere la frusta elettrica (senza motore) in verticale, travasare il tutto nel cestello della gelatiera. Io uso la mia favolosa gelatiera Koenig e in 30-35 minuti si ottiene un gelato cremoso, vaporoso, buonissimo.

Considerazioni:
Tot 600 g kcal 128.065 kcal 21.34/100 g. Visto che valore energetico? Si può mangiare tutto con pochissime calorie!!! Gli ingredienti di questa ricetta li utilizzo sempre per tutti i miei gelati, qualsiasi gusto. Insomma, latte di soia autoprodotto, stevia e gomma di xantano come base a cui si aggiungono i gusti. Ad esempio: alla base basta aggiungere 20-30 gocce di essenza di vaniglia per ottenere un gelato alla vaniglia eccezionale e con pochissime calorie. Devo dire che questo è il mio primo gelato al te verde macha. Il primo assaggio non è stato dei più entusiasmanti. Ma poi ho continuato a mangiarlo… per qualche strana ragione il mio cucchiaio continuava ad andare al recipente del gelato, quasi fosse trascinato da volontà autonoma. Insomma, alla fine questo gelato mi è piaciuto non poco, moltissimo. Non troppo dolce, un po’ aspro. Sapore inusuale per i gelati a cui siamo abituati in Italia. Direi gusto tipico giapponese, misto tra dolce, salato amaro… buonissimo. Eccezionale se ci si mettono sopra un po’di anacardi crudi. Se si prova con le bacche di goji, beh diventano croccanti!!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle (Nessuna valutazione)
Loading...
  1. ha una consistenza bellissima R

    bless and love!

  2. Gnamm!!! Bellissimo il colore di questo gelato! 🙂

  3. Luca a metà estate considerando la quantità di gelato che mangio e che per due anni me ne sono privata data la mia intolleranza fisica e etica al latte, ho acquistato la gelatiera Koenig. Gelatiera assolutamente fantastica, credo l’acquisto migliore che io abbia mai fatto. I gelati vengono stupendi e se ne possono fare uno dietro l’altro in pochissimo tempo: 600g di gelato in circa 30 minuti, 1kg di gelato in 50 minuti, etc. Si possono fare a rotazione, senza aspettare il raffreddamento del cestello, ovviamente.

  4. Favoloso il colore e consistenza. Peccato per il prezzo proibitivo del te’ macha?

  5. Veruska io il te macha l’ho comprato su ebay e mi è arrivato dalla Cina, ma prodotto in Giappone. Non l’ho pagato caro. Ne ho preso un chilo e mezzo 🙂

  6. Grazie Rita posso chiederti il venditore?

  7. Comprato macha qui : http://www.ebay.it/itm/271911931248?_trksid=p2057872.m2749.l2649&ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT

    È arrivato in circa tre settimane, ma il venditore è ottimo, gentilissimi ed efficienti. Puoi tracciare il pacco passo per passo. Ho notato che si è farmato a SHANGHAI per una settimana abbondante.

  8. Ma allora il segreto sta nella gomma di xantano che gonfiaaaaaa
    grande Rita grazie….ad aprile prossimo torno a Tokyo magari il te lo prendo li;)
    Se ho capito bene x il gusto vaniglia è solo latte e vaniglia e se volessi mettere frutta? 250 latte e 250banana x esempio?
    se uso lo sciroppo di agave lo frullo con il latte vero? Ed il gusto cacao?
    scusa le mille domande

  9. Si Giorgia, in genere tanto latte quanta frutta, se vuoi anche un po’ meno di frutta.
    La gomma di xantano la uso ogni volta che voglio incorporare aria, es. fare delle finte panne montate.
    Poi la uso anche per fare lievitare pani e focacce senza glutine: viene tutto bello poroso e soffice. Del resto se guardi le etichette dei prodotti da forno per celiaci vedi che il segreto è lo xantano, solo che in quei negozi questo piccolo falso segreto te lo fanno pagare a peso d’oro eheheheheh

  10. Cara Rita mi apri un mondo. Ogni volta ho usato la gomma di xantano alle cose che dovevano lievitare non si sono quasi mosse di un centimetro. Pori neanche l’ombra. Come impasti? Ricetta tipo?
    Grazie mille davvero

  11. Che meraviglia! 🙂 🙂 🙂 !
    E la gomma di xantano dici che la trovo al NaturaSí? 😉
    Grazie Rita slurp slurp 😛 !!!

  12. Giorgia, questo è un esempio di pane con la gomma di xantano http://www.veganblog.it/2014/12/23/pane-proteico/

  13. Lali, se non ricordo male lo xantano l’ho preso qui http://www.ebay.it/itm/Gomma-Xantano-Gomma-1kg-Piu-Alto-Qualita-Grado-Alimentare-Fine-Polvere-/291585228418?hash=item43e3d57e82:g:vAsAAOSwPcVV1xII
    è anche dove ora compro l’agar agar. Purtroppo da queste parti NaturaSi non esiste 🙁

  14. Grazie Rita, e per Lali io la gomma di xantano lho presa in farmacia
    grazie a tutte voi

  15. Grazie Rita, grazie Giorgia 🙂 !
    Vedo quel che riesco a combinare eheh 😆 !

  16. L al NaturaYes della mia splendida city c’è lo cantano, anche il altri negozi specializzati più piccini

    bless and love!

  17. Davvero mi chiedo perché NaturaSi non apra anche CA e dintorni. Il numero di vegani qui sta aumentando molto rapidamente e stanno aprendo un sacco di ristoranti e pizzerie veg. Qualche giorno fa anche un panificio con linea vegana … mah, misteri del marketing.

  18. Rita beata qui nell Orisranese quando chiedo menu vegano mi fulminano. …molto gentilmente…..hahaha anche se ci sono negozi dove vendono prodotti vegan….ogni volta che si organizza un pranzo fuori mi ritrovo a mangiare…..pasta al pomodoro,verdure grigliate ,insalate…..

  19. Ah beh Monica, se per questo anche qui quando vai nei locali standard praticamente non c’è pietanza vegana disponibile. Uno si deve concentrare sui locali esplicitamente vegani, purtroppo. Ma sai, questa è una terra piena di contraddizioni, da un lato i vegani aumentano rapidamente, dall’altro, forse per nemesi (!!) ci sono sempre più persone che osannano i piatti tradizionali e più crudeli sono più sono esaltati (agnello e maialetto, trattalia, cordula, etc. etc. ) E vengono anche presentati in modo trucculento, giusto per ribadire una falsa “balentia” di chi crede che solo così si piuò essere dei veri sardi (mi viene da ridere … o da piangere?)

  20. penso che anche per antiche usanze e tradizioni mai abbandonate come in altre parti del Tricolorico Stivale la vostra terra sia una delle più difficili da affrontare per chi vive Vegan

  21. Ma che bello! Adoro il verde! Questo trucchetto me lo segno! Anche se io, pigrona, i gelati li faccio solo di banana 😀

  22. WOW in meno di una settimana la mia ricetta è stata citata nel rinomato sito sacuramagazine.com e viene pure citata come ricetta vegan tipica giapponese, nonostante la mia personale “veganizzazione” http://sakuramagazine.com/ricette-giapponesi-gelato-al-te-matcha/
    Che dire, mi sono entusiasmata 😀

  23. Ritaaaaaa ma sei un mitoooo che onore averti qui. Mi sto gustando gelato alla banana con gocce di cioccolato fatto al volo con il tuo segreto. Ora non mi ferma più messuno….domani malaga.
    Grazie ancora di cuore

  24. Scusa non ti ho chiesto cosa succede se lo metto in congelatore se dovesse avanzare. Oggi ho fatto mezza dose quindi non avanza ma nel caso?

  25. Giorgia se non ci metti alcool o grassi/proteine, diventa duro, ma se gli fai fare due giri di microonde torna come appena fatto.

  26. Luca, hai ragionissima.

  27. Tipo 1 minuto a 500W? Grazie

  28. Domani proverò un altro gelato alla vaniglia usando le proteine isolate della soia e riciclando avanzi di okara. Vediamo cosa viene e se l’indomani diventa duro. Sempre domani, invece proverò a fare il gelato al sesamo nero. Anche lui giapponese: Kuro Goma no aisukurīmu, o meglio 黒ゴマのアイスクリーム 😀 . Sono ancora incerta sulle dosi da usare, ma se mi viene buono lo pubblico.

  29. Prova Giorgia. Io metto al massimo (950W) e faccio girare il piatto della base per due o tre volte. In genere è sufficiente … certo se il gelato è molto lo devi tenere di più

  30. Cara Rita ho visto al supermercato la stevia truvia ad un prezzo piuttosto alto e con ingredienti che non mi hanno convinta. Tu quale usi? La compri in internet o in negozio?

  31. Giorgia ora sto usando Stevia Misura, quella granulare e qui da Auchan costa 3.82 il pacchetto da 150g. Non è purissima, ma la trovo accettabile.
    Sul sito di Misura si può scaricare un buono sconto da 1 euro/confezione.
    Conta che 40g di Stevia Misura sono 100g di zucchero. Carto la stevia è molto più costosa del normale zucchero bianco, ma lo zucchero bianco è veleno, quindi non c’è confronto.

  32. una domanda: il thè macha ha dei prezzi davvero assurdi e fuori dal mondo, a chinatown qui a Milano vendono il thè sencha in polvere che è verde verde e sembra simile. Secondo te ha senso provare con quello o risulterebbe troppo amaro/inadatto?

  33. Carlotta guarda la mia risposta n.7 sopra. Veruska l’ha ordinato e le è errivato qualche giorno fa, impiegandoci circa un mese. È ottimo. Se decidi consiglio di comprarne in qualtità e corredato da frustino, porta frustino (che gli permette di non deformarsi mentre asciuga) e dosatore di bambu. Se puoi anche le ciottole giapponesi tipiche che hanno il bordo superiore un po sagomato per non fare uscire il te mentre lo si mescola e il fondo un po’rialzato il modo da poter essere tenuta con il palmo della mano quando il te è caldo. Ti assicuro che bere una tazza di quel te alla giapponese ti fa sentire in pace con il mondo, roba da monastero zen !!!

  34. Carlotta confermo ciò che scrive Rita,mi ha dato un ottimo consiglio su dove comprarlo. Qua i prezzi sono proibitivi. Ne vale la pena aspettare un mesetto.

  35. Ciao Rita!
    Oggi vorrei preparare il gelato… il matcha non è ancora arrivato in erboristeria 🙁
    Ma in compenso ho trovato la gomma di guar. So che è ottima x la preparazione di gelati (non avendo trovato lo xantano)

    Quindi intendo fare 250g latte soia e 250g banana.
    Gomma di guar sempre 3g come x lo xantano?
    E volevo omettere il dolcificante o sostituti vari… vorrei gustarlo al naturale, la banana dolcifica già di per sé. 😉

    Poi metto tutto in gelatiera x 30 min.

  36. Niki, non ho mai usato la gomma di guar. Lo xantano va intorno all’1% del tutto. Per guar non so. Magari cerca su internet. Per quanto riguarda il dolcificante, in gere io lo metto perché serva a dare cremosità e limita la formazione di cristalli di acqua. Prova con del malto di riso se ne hai. Io non ho mai provato ma mi dicono che funziona bene per dare cremosità ed è sicuramente il dolcificante più sano che esista.

  37. @Rita:
    Grazie… 🙂
    Ho letto qualcosa sulla gomma di guar… addensa in percentuale del 15- 0,20% non di più.
    Sciolta nel liquido, sia caldo o freddo, svolge la sua azione raffreddandosi. Per 250g di latte io ne metterei 2g e mezzo

  38. Buongiorno Rita… 🙂
    Ieri sera ho preparato il gelato… buono, ma a metà movimento della gelatiera le pale non giravano più… succede pure a te? Forse la guar era troppa? Non ho dimestichezza con questi prodotti (a me sconosciuti) ma la cremosità del gelato era meravigliosa. Stamani ho controllato le vaschettine che avevo riposto poi nel congelatore… niente cristalli e non si presenta duro come una pietra! 😉 Ottimo direi… 😉

  39. Dimenticavo, alla fine di guar ne ho messa 3g e mezzo

  40. Sono andata a vedere dove tu acquisti il matcha. Prezzo ottimo x la quantità! Ormai sto aspettando quello dell’erborista, ma quando sto x finirlo lo prendo anche io li. E poi,se non ho letto male la spedizione è gratuita… 🙂 Fantastico!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti