Gnocchi del pieno di ferro

Ho approfittato di un bel giorno di sole per andare in cerca di tarassaco (questo è proprio il periodo giusto) che è ricco di  ferro (vedi nelle ‘considerazioni’)  e  che tra le altre cose è buonissimo!
100_6972
Ingredienti (per 2  persone):

280 g di  okara di avena (ottenuta da 65 g di avena decorticata usata per fare il latte con la Soyabella)
farina di segale qb (ne avrò usata circa  140 g)
1 bella manciata di tarassaco
2 C di lievito alimentare in scaglie
1 piccolo spicchio di aglio (ho usato quello fresco che ho raccolto insieme al tarassaco)
2 C di semi di girasole
olio evo qb
peperoncino qb

Procedimento:
Dopo aver lavato e asciugato bene il tarassaco l’ho frullato con l’olio, i semi di girasole, il lievito  alimentare, l’aglio ed un pochino di acqua. Per gli gnocchi ho semplicemente aggiunto all’okara di  avena la farina di segale fino a raggiungere la consistenza voluta, a me gli  gnocchi piacciono morbidi e quindi ho lasciato il composto piuttosto umido, ma volendo, mettendo più farina, si può fare la classica palla da cui ricavare i salsicciotti da tagliare. Io invece utilizzo sempre il metodo dei 2 cucchiaini, cioè prendo un po’ di  impasto con un cucchiaino e aiutandomi con l’altro getto gli gnocchi in acqua bollente, appena vengono a galla sono pronti. Li ho conditi con il pesto ed ho  aggiunto un po’ di peperoncino in polvere e qualche goccia di succo di limone. Buonissimi!

Considerazioni:
A proposito di ‘pieno  di ferro’ vorrei condividere con voi quello che mio malgrado ho da poco scoperto. Sono donatrice di sangue da diversi anni e le mie analisi sono sempre state ottime. 2 anni fa quando da onnivora  sono passata a vegan ho continuato a donare senza mai riscontrare problemi e carenze di nessun tipo. Questo fino alla mia ultima donazione (la  quarta da vegan) dove è emerso un vero e proprio crollo della ferritina (a 8.8 contro un valore minimo di 15!!). Questa notizia mi ha sconvolto perchè mai avrei pensato di poter avere una carenza di ferro: i miei valori erano sempre stati ben oltre il minimo, ho sempre utilizzato il ‘trucchetto’ del succo di limone per potenziarne l’assorbimento, mangio molta verdura e legumi, non bevo té, il caffè raramente e solo fuori pasto, insomma non ho idea del perchè sia successa una cosa simile… Ho il desiderio di condividere con voi questo fatto per sapere se qualcuno ha dovuto intraprendere il percorso degli integratori (come sto facendo io) o se ha risolto in altro modo rimanendo ovviamente vegan. Stare fuori dalla massa non è facile, soprattutto  nel campo alimentare, dove di fronte ad una cosa del genere ti senti subito dire: ‘mangia carne rossa!’. Io sono sicura della mia scelta e non  ho intenzione di cambiarla perciò mi piacerebbe ascoltare e condividere pensieri  con chi di voi ha vissuto questo momento 🙂

  1. Gala CHe buoni gli gnocchi al tarassaco!!! 😛 Per i valori della ferritina non saprei, io dopo oltre due anni di vegetarianesino (90% vegan sul piano alimentare) ho i valori perfettamente nella media…forse il tuo metabolismo sta cambiando, oppure hai assunto dei farmaci ultimamente? Comunque la cosa migliore è trovare un medico di fiducia che non ti guardi come un a povera pazza e si sforzi di affrontare il problema seguendo le tue scelte…buona fortuna!

  2. Che buoni gli gnocchi! Ma che programma e filtro hai usato ? Io mi son fatta la crema di avena con filtro trama grossa programma “paste”: ottima! Allora io ho fatto recentemente le analisi e la ferritina è dentro ai limiti stabiliti ma tendente al basso ma si sa il perché : fatto prelievo ultimo giorno di ciclo. Per caso li hai fatto anche tu vicino a questo periodo ? Comunque magari hai passato un periodo NO in cui ti si sono sballati; certo che sentire un medico di competenza sarà la cosa migliore. Non sei nè la prima nè l ultima donatrice vegan e anche medici all’interno del centro ti aiuteranno. Grazie per aver condiviso questa tua situazione che certamente potrà esser utile anche ad altri. Anch io vorrei donare (sia sangue che disponibilità per midollo osseo) ma non ho peso minimo consentito 🙁 Un bacione e vedrai che sistemerai tutto, anche la primavera e tutte le foglioline verdi da mangiar crude. Ps- anche le rape credo abbiano tanto ferro (credo…)

  3. Ciao Gala!! 🙂 bellissimi questi gnocchetti.. 😀 anche noi cerchiamo il tarassaco da un sacco, ma raccoglierlo in giro per Roma non ci ha mai dato grade sicurezza 🙁 beata te che invece hai la fortuna di trovarlo!! 😀
    Per quanto riguarda la ferritina…dal monento che essa è una proteina che lega il ferro nei depositi, una diminuzione è indice di una deplezione delle delle scorte di ferro. Magari come dice Giopepi hai dei cicli molto abbondanti (si perdono circa 20mg di ferro al mese) e non hai reintegrato tutte le scorte prima delle ultime analisi, oppure sei stata anche tu colpita da questa fastidiosa influenza che gira, e malassarobimento intestinale e diarrea hanno contribuito alle perdite!!
    C’è anche un altro accorgimento che puó aiutarti nella combinazione dei cibi, oltre alla vit C! Se assumi contemporaneamente alimenti contenenti ferro e calcio insieme quest’ultimo inibisce l’assorbimento di ferro in suo favore!! Comunque se i valori di emoglobina erano normali pobrabilmente basta reintegrare il ferro con l’alimentazione, o con gli integratori!! Se era presenta anche anemia cercheranno di capire la causa 🙂 sicuramente un medico, che conosce anche la tua storia clinica, può aiutarti più di chiunque altro!! 🙂
    Comunque anche noi siamo donatrici regolari, e per ora non abbiamo mai avuto strane sorprese, fortunatemente!! Adesso sono quasi passati i 6 mesi di attesa tra una donazione e l’altra, …vedremo!! 😀
    Un bacione

  4. @G-Stail @Giopepi @EnricaAnnalisa vi ringrazio di cuore per il sostegno! All’inizio l’avevo presa molto male poi me ne sono fatta una ragione, è una situazione credo risolvibilissima.
    Quello che mi aveva (e mi ha) lasciato di stucco era il fatto di non capire il motivo…. il ciclo non l’ho mai avuto abbondante e comunque dono il sangue sempre parecchi giorni dopo la fine del ciclo. Di farmaci non ne prendo da un sacco di tempo, non ricordo neanche più l’ultima volta che mi è venuta la febbre!
    Per quanto riguarda il medico di fiducia non è facile trovarne uno ‘di fiducia’ appunto!
    @Giopepi il programma è ‘milk’ e ho usato il filtro per fare il latte di soia. Con l’avena esce un okara molto umido, sembra una crema. La prima volta che ho fatto il latte d’avena l’okara l’ho mangiata a cucchiaiate aggiungendoci un po’ di spezie, era buonissima! L’inconveniente però è che non è molto digeribile, perchè non è cotta a sufficienza, così ho cominciato ad usarla per fare altre ricette che prevedono sempre una cottura e in questo modo non da’ problemi. Il programma ‘paste’ a dire il vero non l’ho mai usato…
    @EnricaAnnalisa per il tarassaco pensate che io che sto in campagna non lo trovo facilmente, nel senso che cresce molto ai lati della strada e poco nei campi, perciò a volte è un’impresa!
    Sapevo anch’io del discorso del ferro e del calcio, ma pensavo che fosse un problema riguardante solo i vegetariani visto che mangiano formaggi… però ora che ci penso io ho l’abitudine di condire le verdure con una salsa che faccio con sesamo tritato (ricchissimo di calcio), succo di limone e olio. Siccome lo faccio tutti i giorni forse questo ha inibito l’assorbimento del ferro? Potrebbe essere una causa… nell’incertezza voglio provare a ridurre questa abitudine. Grazie per lo spunto ragazze!

  5. Bella ricetta!
    Cosa usi del tarassaco? fiore, foglie, gambo?
    Quando donavo il sangue un medico dell’AVIS mi aveva consigliato al posto degli integratori di mangiare in insalata i germogli di soia, sempre sfruttando anche iltrucchett del limone 🙂

    in bocca al lupo

  6. Grazie del consiglio Paola 🙂
    Del tarassaco uso le foglie, se sono piccole e tenere anche il gambo 🙂

  7. Gala prova il programma “paste ” fatto apposta per cuocere delle creme/zuppe; io poi ho tenuto i cereali in ammollo per mezza giornata minimo. Super ci sia qualcuno qui sul blog di competenza che ti possa indirizzare. Ora non ricordo esattamente in che sito, ma avevo visto che c è un elenco di medici vegetariani/vegani: magari ne trovi uno nella tua città o zone limitrofe. Un bacio cara 😉

  8. ciao Gala, che ottima ricetta! anch’io sono una fans del tarassaco e e mangio in quantità! ci faccio anche il pesto e mi piace molto di più di quello con il basilico.
    Per quanto riguarda il ferro, le ragazze sopra ti han già dato ottimi consigli. Mi viene solo da aggiungere: è un periodo di stress particolare? sei un po giu di tono? perché potrebbe dipendere da una serie di fattori concatenati.
    comunque ricordati che la soia ad esempio è un alimento che contiene parecchio ferro che varia in base alle preparazioni: se cuoi i fagioli di soia per 100 gr hanno 3,4 mg, la farina di soia ha 8 mg circa per 100 gr il latte di soia 2,1 mg per 100 gr. poi sono ricche di ferro le alghe, i famosi spinaci,le lenticchie i semi di girasole e i ceci, giusto per dirne alcuni…
    Se vai sul sito di scinza vegetariana c’è la lista di medici per regione che ti possono aiutare ( forse è questo il sito a cui si riferisce Giò…)
    un abbraccio tesoro

  9. @Giopepi proverò sicuramente!
    @Nica grazie! Effettivamente ho avuto un periodo di forte stress che piano piano sta passando, ma non avevo pensato ad una correlazione perchè la ferritina è un valore che si riferisce alle riserve di ferro, però tutto può essere.
    Darò un’occhiata sul sito che mi hai indicato 🙂

  10. Complimenti, sembrano ottimi! Io quoto Nica… sul sito i medici sono bravi e disponibili! Pensa che io ho il problema opposto, avevo la ferritina ben oltre il limite… Stranissimo. Comunque era legato al fatto che prendevo molta vitamina C per le cistiti… hai provato ad assumerne di più! Il tarassaco comunque lo adoro, noi qui la chiamiamo cicoria (selvatica)!

  11. Ciao Gala, grazie per aver “colpito nel segno” col discorso del ferro!! Purtroppo, dopo anni di alimentazione sbagliata, ho ridotto il mio utero ad essere ingrossato e se avessi cominciato da ragazza la dieta dei gruppi sanguigni ora non starei così male…la ferritina tua è alta rispetto alla mia…sto correndo ai ripari e ho memorizzato tutti i consigli trovati su questa preziosa pagina della tua ricetta 😀 Se posso aggiungere anche la mia, oltre alla alghe che ti hanno già detto, c’è la melassa nera (la si trova anche su TIBIONA). Ho pubblicato dei biscotti (iron sweet) magari puoi prendere spunto da lì! La melassa NERA è ricca di fero e ha un saporino di liquirizia (nn mi fa impazzire…ma la mangio lo stesso…sul barattolo si dice che un cucchiaio basti a soddisfare una certa RDA di ferro…non ricordo quale, sorry). Grazie ancora per lo spunto, utilissimo per me!! 😀

  12. Gala scusa il ritardissimo 😳 comunque il calcio contenuto nel sesamo potrebbe aver inibito in parte l’assorbimento del ferro, ma non penso addirittura sia l’unico responsabile!! 🙂 però se come ha detto anche Nica è stato un periodo di grande stress, magari le cose possono essersi sommate!! 🙂 se così fosse, con tutti gli alimenti che ti hanno consigliato qui, e tutti i trucchetti, non penso avrai problemi a risollevare la ferritinemia 🙂 intanto ti auguriamo di trovare un bravo medico, di ampie vedute, che possa aiutarti e consigliarti!! 🙂
    Tanti baciniiiii :* ….noi speriamo di trovare qualche piantina di tarassaco!! 😀

  13. ciao gala, adoro il tarassaco, ma non ho mai pensato di farci un pesto, ottima idea!
    io convivo da sempre col problema del ferro basso e se avessi conoscciuto tempo fa gli scritti di valdo vaccaro non mi sarei angosciata tanto e non avrei preso integratori dannosi!
    sono vegana solo da 2 anni e alle ultime analisi la ferritina era leggermente + bassa, ma la sideremia era entro i valori; al contrario quando ero + giovane e mangiavo di tutto ho avuto periodi nei quali la ferritina era arrivata a 2! (ora ho 5,71 di ferritina, 69 di sideremia e 371 di transferrina, quest’ultima è leggermente troppo alta e lo è quando la feritina tende al basso)
    la cosa importante – aldilà che può essere anche una situazione transitoria – è non avere sintomi tipo astenia, stanchezza o cose simili. io purtroppo x questi valori così bassi non ho mai potuto donare sangue (sebbene ciclicamente chiedessi se era possibile..) nonostante ciò sto benissimo, ho ottime prestazioni sportive e ho smesso di prendere qualsiasi integratore anche quelli cosiddetti naturali! cerca magari qualche tesina di valdo vaccaro che riguardi il ferro tipo quella che si intitola ANEMIA, PROBLEMA DI FERRO-ASSIMILAZIONE PIÙ CHE DI FERRO-PRESENZA del 01 aprile 2013, ci sono un sacco di consigli validi.

  14. @Elysnoopy grazie 1000 😛
    @Terry è sempre bello condividere!
    Della melassa avevo sentito parlare ma sarà un problema per me perchè odio il sapore della liquirizia 🙁
    @EnricaAnnalisa vi mando un grande abbraccio!
    @DarmaSin grazie della dritta sicuramente leggerò la tesina, io ho solo il valore della ferritina che è basso, il resto è tutto ok, anche dal punto di vista fisico, pensa che se mi avessero detto prima di vedere le analisi, che avevo il ferro così basso non ci avrei creduto perchè sto benissimo e non ho mai avuto sintomi strani 🙂

  15. Grazie di nuovo a te! Anch’io odio la liqurizia…ora che ci penso, ni pare che anche il riso venere abbia ferro!
    @Darma: io ho 3 di ferritina, ma x il resto la sideremia è ok, anche i globuli rossi, ti ringrazio x la dritta di valdo vaccaro 😀

  16. Ottima ricetta davvero, Gala!!! 😀
    Mi dispiace molto per il momento che stai attraversando… 😕
    Io proverei con la “mela chiodata”: é un vecchio rimedio che non fallisce mai!!! 😛

  17. Grazie Lali 😛
    Infatti la mia intenzione è di iniziare con la mela chiodata dopo aver finito il ciclo di integratori 🙂

  18. @Lali, Gala, ho usato questo rimedio in passato e vi assicuro che funziona!! 😀 😀 in effetti quasi quasi lo rifaccio anch’io!

  19. Io non ci ho mai provato ma voglio iniziare. Mi spiegheresti il metodo? L’ho letto da qualche parte ma mi dovrei documentare meglio 🙂

  20. La cosa più difficile è trovare i chiodi giusti, bisogna procurarsi da sei a otto grossi chiodi di ferro, ferro non trattato antiruggine, quelli cioè che possono arrugginire. I chiodi vanno sterilizzati per alcuni minuti in acqua bollente, poi li si inserisce in una mela. La mela liberata dai chiodi potrà essere mangiata ed i chiodi potranno poi essere riutilizzati inserendoli in una nuova mela per il giorno successivo.I punti di inserzione dei chiodi appariranno neri: questo è normale, segno che una certa quantità di ferro si è depositata nel vegetale.
    Se cerchi in internet ci sono tanti che ne parlano, mi sono un po’ allarmata quando ho letto su un sito che si può mangiare una sola mela al mese…io la mangiavo per un mese intero tutti i giorni e mi è servita!! 😀 Magari qui su VB ci sono dei medici che puoi sentire, questa scritta sopra è la mia esperienza…positiva!! 😀 Ultima cosa, ti ricordo il riso venere, è ricchissimo di ferro!! 😀 Ti abbraccio

  21. @Gala: quello che ho scritto sopra l’ho copiato da internet perchè non ho capacità di “riassumere” e quindi ho preferito trovare qualcuno che avesse già scritto quello che in effetti ho fatto!! 😀 😀 Se avessi domande sul sapore delle mele su come mi senissi, chiedi pure!! 😀

  22. Grazie per le info! In effetti anch’io sapevo una mela al giorno e non una al mese!
    Mi hanno detto che il sapore della mela non cambia molto (per fortuna) 😛

  23. Eh, insomma, il sapore è ferrosino. Il chiodo dev’essere di ferro NON zincato. E’ importante andare da un ferramenta di fiducia, che non ti dia chiodi fatti con leghe di metalli tossici!! Mi raccomando!!

  24. Questo è proprio un ottimo consiglio 😉

  25. Cara Gala,
    girando ho trovato questa tua ricetta straordinaria. Fantastici questi gnocchi e io ho tanto tarassaco qui nel bosco di casa! Grazie, ma soprattutto grazie della tua condivisione e di tutti i commenti che hai suscitato e saranno utili a te e a tante altre persone. Ho una mia amica che ha valori gravissimi di ferro, ma non è vegetariana e neppure vegana, ma troverà utili comunque tutte queste dritte. Per quanto riguarda me a breve andrò a fare le analisi e vedremo. Tanti anni fa anche io ero donatrice, ma non arrivare col ferro, per cui ho fatto anni di plasmaferesi e alla fine non ce l’ho fatta più. Grazie ancora. Tienimi aggiornata, se ti va. 🙂

  26. Ametista grazie mille a te!!
    La condivisone è un valore che spero di non perdere mai 🙂
    Ancora sono in ‘fase integratori’, ne avrò ancora per 1 mesetto circa perchè ho deciso di prenderli a giorni alterni per limitare gli effetti collaterali che mi scatenavano, dopodichè tornerò a donare (plasma!) e vedremo che succede 🙂
    Adesso comunque sono più tranquilla perchè ho la consapevolezza che la carenza di ferro non è assolutamente un problema che riguarda solo i vegetariani o vegani 😉

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti