Dolcezze ritardatarie

Nel mio blog si chiamano Tartellette bacio-pera. Ma qui le avevo annunciate da settimane, visto che sono state la “torta” di compleanno mia e della mia gemella. Il fatto è che fino a ieri non avevo ancora le foto, che per fortuna mia sorella era riuscita a fare con il cell! Tra gli ospiti, il telefono che squillava ogni 2 minuti e le pere che si stavano per bruciacchiare, la serata era troppo movimentata per un servizio fotografico semiserio! Ma non ritardo ulteriormente la ricetta! 🙂 A voi.
Tartellete_bacio-pera
Ingredienti (per circa 30 tartellette):
200 g circa di farina d’avena
200 g circa di farina autolievitante
90 ml di latte di riso
75 g di zucchero
50 ml di olio evo (o quello che preferite)
3/4-1 vasetto di Il Bacio dei primi 24! (o qualsiasi veghella)
1 pera e 1/2
zucchero a velo per spolverare
1 pizzico di spezie (zenzero, cannella, quello che volete!)
polvere d’arancia se ne avete (io l’ho dimenticata, sob!)

Procedimento:
Se si conserva la crema o la veghella in frigo è meglio tirarla fuori. Setacciare 3/4 delle farine, aggiungere lo zucchero e le spezie e mescolare bene, incorporare un po’ alla volta il latte e l’olio e impastare. Se risulta una pasta facile da stendere e maneggiare forse non servirà aggiungere gli ultimi 100 g di farina. Tenere in frigo per almeno 1/2 ora. Preriscaldare il forno a 180°, stendere la pasta e, con un coppapasta, tagliarla in dischetti che andranno inseriti all’interno di pirottini o stampi da muffins. Io avevo solo un bicchiere per formare i dischetti, quindi ho steso la pasta tenendola di circa 4 mm, e ho ripassato con il mattarello ogni dichetto, altrimenti sarebbero stati troppo piccini per gli stampini! Bucherellare il fondo dei “cestini” di pasta, trasferire gli stampini su una teglia e infornare a 180° per circa 10′. Tagliare a fettine piccoline le pere e cuocerle in una padella antiaderente. Togliere i cestini dagli stampini, inserirvi all’interno uno strato di crema al Bacio (se è molto densa scaldatela oppure diluitela) e le pere cotte. Spolverizzare con lo zucchero a velo e servire! 😀
Tartellete_bacio-pera1
Il punto:
Intanto un grazie a Grace e alla sua Torta dei fratelli alla quale mi sono ispirata per la pasta! 🙂 La foto che vedete qui sopra è stata fatta la sera prima del mio compleanno. Come vedete mancano solo le pere. La sera dopo infatti ho tirato fuori dal frigo, anzi no, dentro dalla terrazza, le tartellette così come le vedete. La crema naturalmente era tornata densa e il contrasto tra il freddo croccante della base e il caldo morbido delle pere appena cotte era una vera squisitezza! 🙂 Ciò non toglie che anche fatte al momento siano strepitose, ma il fatto che anche preparate il giorno prima non perdono nè gusto nè croccantezza è un punto a loro favore. :). Buonanotte ai gufi e buongiorno a chi vedrà questa ricettina domattina! 😀 Baci.

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (No Ratings Yet)
Loading...
  1. Auguri in ritardo per il doppio compleanno e complimenti per questa ricetta da brividi di piacere. Sempre a dieta come sono, me le posso giusto sognare queste tartellette al bacio 🙁

  2. che belle!!!! bravissima Callaudia!!!
    Che servizio fotografico hai fatto???? mi incuriosisci……

  3. Oddio ma che meravigliaaaaa *___* Come hai detto anche tu, l’incontro tra il freddo del cioccolato e il caldo delle pere deve essere qualcosa di sublime.. Ma per curiosità, solo a me vengono i dolci con un retrogusto amarognolo usando la farina di avena??

  4. Callaudia ricordo che avevi promesso questa ricettina! Grazie per averla condivisa 🙂 sono davvero sfiziose queste tartellette…. Complimenti sono anche bellissime da vedere!

  5. @Callaudia, non sapevo anche tu fossi gemella!! 😀 😀 Augurissimi a tutte e due!! 😀 😀 Bellissima questa ricetta, così ben curata!! Grazie per aver pubblicato!! Baciotti

  6. Che prelibatezze hai preparato, cara Callaudia! 😀
    Vorrei mangiarne qualcuna proprio adesso, perché dicono: “MANGIAMI”!!! 😉

  7. @Donatella: ma grazie cara! 🙂 Nooo, perchè in dieta?? Comunque questi dolcini non sono poi così grassi o zuccherosi.. Al posto della veghella puoi sciogliere del cioccolato fondente con un po’ di latte di riso, così non ci sono zucchero, nocciole e olio! 😀

    @Nica: Ciao Nica! Grazie dei complimenti! Il discorso del servizio fotografico era per dire che non sono riuscita a fare foto decenti alle tartellette! Infatti la foto iniziale l’ha fatta mia sorella con in cell appena le avevo portate in tavola! 🙂

    @Ares91: Ah ma è la farina d’avena allora che dà l’amarognolo? Io credevo fosse quella autolievitante… 😛 Svelato l’arcano! Sono due farine che non uso spesso, per questa ricetta ho fatto un tentativo. 🙂 Ti dirò, se mangi la frolla da sola un pizzico d’amarognolo si sente ma una volta “riepite” non se ne è reso conto nessuno! 😀

    @Sfisfi: Cara che ti ricordi! 😀 Grazie mille! <3

    @Terri: Eh sì, sono gemella! Ma non lo direste se ci vedeste vicine! 😀 Una "ricetta ben curata"! Questa definizione non si accosta spesso alle mie ricette, in genere nate dal caso. Ma in effetti per questa avevo riflettuto a lungo! 😀

    @Lali: Davvero fanno questo effetto?? Wooow! Obbiettivo raggiunto! 😀 Sono felice!!! Bacini colorati cara Lalina!

  8. Eh sï piccolina! Io le trovo… IRRESISTIBILI!!! 😀 😀 😀
    Volo sul tuo sito… 😉

  9. Wow, addirittura la citazione, grazie!! 😀 Anch’io trovo quei dolcici irresistibili, sìsì… Poi pera e cioccolato :Q__

  10. @Grace: Eh, sono andata sul sicuro! 😉 Della serie: mi piace vincere facile! Bonsci bonsci bobobon! 🙂 Grazie piccola Grace!

    @Lali: Grazie tesoro! Il mio sito è piccolino, solo una dozzina di ricette! Ne ho di più qui nel VB che nel mio Tra fornelli e pennelli! XD Inoltre pur avendo fatto anche una mostra pittorica non ho il coraggio di postare i miei dipinti! Non so perchè… 🙁

  11. Voglio vedere i dipinti Ueeeeeh!!! 😥
    Dai, ti prego, mostraci i tuoi capolavori Callaudia…
    Siamo o no siamo in famiglia? 😀

  12. Hai ragione cara Lali! 😀 Però temo non rendano in foto… 😛 Dai, questo weekend provo a postare qualcosa! Un abbraccione!

  13. …che eleganza queste tartellette!!! 🙂
    prendo l’ultima in fondo al piatto… shhhhhhhhhhshhhhhhhhhhhh! non se ne accorge nessuno :mrgreen:

    Anch’io, anch’iooooooo… voglio vedere i tuoi dipinti! 😆
    So già che ci conquisteranno 😉
    Bacissimi cara!

  14. Ahahaha sì! Purtroppo la farina di avena lascia quel sapore (purtroppo perchè a me non piace), infatti mi ero ripromessa di non usarla più xD Però è vero anche che nel complesso sicuramente non si sente!

  15. Wow, che delizia!
    Sono sicura che una tira l’altra…golosissime!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti