Signora, si calmi…

… È solo un topo! L’idea mi è venuta grazie ad un quiz riportato su “La settimana enigmistica” :-P.
Ingredienti:

spinacio
porro
lenticchie
carota
patate
prezzemolo
fagioli cannellini
passata di pomodoro

Procedimento:
Con dei pezzi di porro (riciclati dal mio ultimo disegno), un po’ di passata di pomodoro, delle lenticchie cotte, dei pezzi di carota ritagliati, dei pezzettini di patate cotte ritagliati, e del prezzemolo ritagliato, ho fatto la donna sulla sedia. Con dei fagioli e delle lenticchie cotte, 1 pezzettino di spinacio cotto e 1 pezzettino del gambo di prezzemolo, ho fatto invece il topolino che si dirige verso di lei.

Il punto:
Ogni settimana, e puntualmente il giovedì, compro questo periodico molto conosciuto. Stamane, nel notare uno dei tanti giochi riportati, mi è saltato subito all’occhio “Il salto del cavallo”. Si tratta di un quesito in cui ci sono delle figure illustrate su di un tot caselle, ed ogni casella è contrassegnata da un numero. Le regola impone di partire dalla casella numero X per finire in quella numero Y, e man mano che si percorre l’itinerario bisogna collegare una figura con un’altra  avente un’attinenza in comune, e rispettando il salto del cavallo ogni volta che si va avanti. Per salto del cavallo è intesa la mossa ad L che si effettua negli scacchi con la pedina a forma di cavallo. Nella prima casella, proprio in quella in cui iniziava il gioco, c’era raffigurata una donna in cucina e che su di uno sgabello sbraitava terrorizzata contro un qualcosa. Nel cercare il legame con una delle altre figure, ho trovato subito la casella corrispondente, ossia quella in cui c’era un topolino che se la rideva. Nel collegare le 2 immagini, ho trovtao molto simpatica la scenetta completata. Ho deciso quindi di raffigurarla nel piatto. Mi raccomando però, se avvistate topi in cucina, non temete, e non reagite come la donna del mio piatto e quella del gioco, nessun topo vi divorerà :-P.

  1. Adoro i topolini!! Chiisà se Luna e le mie gatte li vedessero… 😀

  2. Mi piace molto come l’hai ironicamente vestita! e soprattutto, dell’insieme davvero divertente, gli stivalettini arancioni col pellicciotto ah, ah!!! E anche la pettinatura stile vecchia permanente bruciata….

  3. ……….semplicemente……. unica!!! sei bravissimo Nello 🙂 🙂

  4. @ Terri: l’indole di Luna, come tutti i gatti del resto, è quello di cacciare. Spesso rincorre piccioni, insetti, e magari anche topi a mia insaputa. Quando la becco sul fatto, un po’ non vorrei che lo facesse, ma non mi sento d’impartirle dei divieti, quindi liberamente si comporta secondo la sua natura. Sta di fatto che anche io adoro i topi, e mi spiace quando qualcuno/a, come la donna nel piatto, reagisce smodatamente alla loro vista, e magari agisce peggio dei gatti…Ti abbraccio Terri 😀

    @ Diana: ehm, scusa, ma dove li hai visti gli stivaletti con il pellicciotto???? o__O Quello arancione è uno sgabello/sedia 😆 😆 A parte la svista, ma secondo te, come avrei mai pututo fare degli stivaletti con dei pellicciotti??? 😛 Comunque, mi fa molto piacere che ti sia piaciuta questa donna isterica, e dall’aria minacciosa (il topolino è senza dubbio più simpatico rispetto a quella testa di porro che inveisce contro il piccolo ospite 😆 ). Un abbraccio cara Diana 😛

    @ Niki: grazie ancora carissima Niki, un abbraccio anche a te 😛

    ….buona giornata a tutti 😉

  5. ahahahhaha ma come fai?? è bellissimo!!! mi ha fatto veramente tanto ridere! mitico Nello 🙂

  6. Ciao Nello! Il tuo bellissimo piatto mi ha fatto venire in mente questo articolo http://www.promiseland.it/2013/01/22/la-collina-dei-conigli-2/ 😉

  7. Hahahaha ma è bellissimo! 🙂 La signora con i capelli dritti in testa, m’ha fatto morire!!! 😀

  8. Nello, sei davvero un amante della natura! 😀 Rispettando tutti gli istinti…però davvero anch’io se vedessi le mie inseguire una creaturina mi spiacerebbe…già mi venivano brividi quando Lucille (la nera) si mangiava le mosche…vive!!

  9. Non commento sempre … ma sono davvero SEMPRE tutti molto belli!!!

  10. @ Gattadelvicolomiracolo: eheh, grazie Gatta, mi fa piacere che il mio piatto ti abbia fatto ridere. Un abbraccio 😛

    @ Lisa: corro subito a leggerlo… Un abbraccio cara Lisa 😛

    @ JudyVegan: ciao Laura Luisa, ne approfitto di questo commento e ti accolgo anche io qui su veganblog.it, benvenuta! È stata una casualità (direi anche fortuna) riuscire a riciclare il pezzo di porro che utilizzai per fare la pattinatrice del disegno precedente. Mi avanzava nel frigo, e prima di consumarlo, mi accorsi che capovolto dava l’impressione di una persona impaurita e urlante 😆 Ecco com’è nata la donna sullo sgabello di carota 😆 Ti ringrazio per i complimenti, un abbraccio 😛

    @ Terri: delle volte, quando mi accorgo che Luna trama un agguato (spesso si accuccia sotto i marciapiedi, sotto le macchine parcheggiate, dietro alla merce che ho esposta nel mio chiosco) per balzare all’attacco a discapito di qualche altro animale, tipo un piccione, faccio sempre in modo che non lo afferri. Di solito batto le mani, o facico rumore in maniera tale che gli uccelli volano via prima che lei li saltasse addosso… Così facendo lei gioca lo stesso, e dà sfogo al suo istinto, ma allo stesso tempo non causa danni a chi ignaro, e malauguratamente, si trova davanti ai suoi occhi nascosti. Forse sarò egoista, e magari lo sarò, ma non riesco a sopportare il pensiero che lei uccidesse chi è più debole e non sa come difendersi dai suoi artigli… Per il resto, non ce la faccio a controllare insetti o altri animali “invisibili” all’occhio umano, ma se potessi, la distrarrei anche in quel caso, magari attirando la sua attenzione con i svariati giochini (palline, pupazzetti di gomma,gomitoli di spago, ecc. ecc.) che ho per lei e le sue unghie… 😛 Ciao Terri, un bacione 😛

    @ Different: ti ringrazio Eliana, mi fa davvero molto piacere che tu mi segua, seppur in silenzio. Ti ringrazio per i complimenti, un abbraccio 😛

    …buon pranzo a tutti 😉

  11. a me i topolini sono sempre piaciuti,una volta da ragazzina ne avevo scoperto una tana, nel mobiletto degli attrezzi di mio nonno…erano carinissimi, piccoli, piccoli quasi come un ditale….e controllavo quotidianamente la loro crescita..poi un giorno non li ho visti piu’..erano andati per la loro strada nell’orto….non mi fanno paura e nella cantina della casa di campagna vanno e vengono….pero’ se le signore si spaventano le capisco….ciao caro, un abbraccio

  12. Divertente, molto divertente :)!

  13. @ Giovanna: cara Giovanna, c’è da dire che al di là della paura verso un qualcosa, la quale è scaturita da una reazione molto personale verso quel qualcosa, c’è una differenza tra i topi di campagna ed i topi di città. Quelli che tu ospitavi erano sani, e per te era più sicuro avvicinarti a loro ed instaurare così un legame affettivo. Quelli delle città purtroppo sono spesso portatori di malattie, per via della vita che conducono nelle fogne. Quindi di seguito è molto pericolo accostarsi a loro. A me è sempre discpiaciuto tenerli a distanza per forza maggiore, e mi ha pianto il cuore quando ho visto gente che col veleno, in altri casi con delle pale di muratori, hanno infierito su questi piccoli ed indifesi ospiti sotterranei. In fondo se portano dei virus con se la colpa non è da attribuire a loro, ma le colpe sono sempre dell’uomo che ha reso un letamaio lercio ciò che sta al di sotto i tombini su cui camminiamo… Scusa la divagazione, ti abbraccio anche io 😛

    @ Monica Redlocks: grazie mille, cara Monica. Un abraccio 😛

    …buona serata a tutti 😉

  14. hahahahahah fantasticaaaa!!!! ahaahahah 😀

  15. @ Vali: grazie Vali, un abbraccio 😛

  16. Ciao caro Nello e scusa il ritardo nella risposta: per il pellicciotto, a parte che esistono finti pellicciotti che imitano la lana fatti con tessuto acrilico, però nel caso della signora avresti potuto, appunto, rappresentare la reazione di un onnivora. Cmq era lo sgabello, la prossima volta metterò prima gli occhiali….. ; )

  17. @ Diana: 😛 😛 😛 😛

  18. sono bellissimi. chissà se prima o poi riuscirò a provare a farli… ne avevo già visto qualcuno che avevi fatto, e sono sempre super bellissimi. complimenti sempre

  19. sei davvero bravissimo, sono stupende le tue creazioni

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti