Mi è finito lo shampooooo!

Se fosse stato vero sarebbe stata una tragedia! Ma per fortuna stavo solo facendo una simulazione per non trovarmi impreparata a dover fronteggiare un evento di questo genere. Vi sarà capitato di finire lo shampoo e di dover spulciare tra i flaconi vuoti alla ricerca di qualche rimasuglio scartato in precedenza, perché non era di vostro gradimento, ma che ora sperate vi possa venire in soccorso, come un amico nel momento del bisogno? Nella migliore delle ipotesi vi buttate sul doccia schiuma e nella peggiore vi tenete i capelli sporchi! Ma questo non accadrà più. Se siete vegani, abituali consumatori di yogurt (che sarà probabilmente di soia) e di farinata (magari nella mia versione rinominata Triscecia anti-smog),  golosi di panettone (che magari avete voluto provare sotto forma di Cecettone di Natale), allora in questo caso probabilmente non mancheranno nella vostra cucina la farina di ceci e lo yogurt di soia. Se poi avete anche provato a fare le mie Raw bars che passione allora avrete anche un limone. 🙂 Ecco allora cosa dovete preparare prima di entrare in doccia…
Ingredienti:
2 cucchiai di farina di ceci
2 cucchiai di yogurt di soia
succo di limone qb (se non lo avete non importa)
acqua calda qb
poche gocce del vostro olio essenziale  (io non lo avevo e non l’ho messo)

Procedimento:
Mettete la farina in una ciotola e aggiungete lo yogurt. Mescolate aggiungendo il succo di limone e a poco a poco anche l’acqua calda, in modo da ottenere una consistenza abbastanza fluida, simile a quella di un balsamo. Fatto! Lo shampoo è pronto per l’uso! E non vi resta che andare sotto la doccia e provarlo (io l’ho messo in un flaconcino di plastica che avevo tenuto da parte sapendo che prima o poi mi sarebbe tornato utile). 
Come si usa:
Capelli bagnati, lo si massaggia sulla cute (non attendete la schiuma, non è prevista). Si risciacqua bene e si procede con il trattamento abituale (nel mio caso si passa subito al turbante  non utilizzando balsamo).

Farina, yogurt e limone:
La farina di ceci è ottima non solo in cucina per le vostre preparazioni proteiche, ma anche e soprattutto in bagno, per detergere in modo delicato pelle e capelli (da secoli è usata in India a questo scopo). E’ adatta soprattutto per i capelli grassi (meglio se anche corti, è infatti poco pratica per i capelli lunghi). Lo yogurt è utilizzato come base cremosa per acidificare, così come il limone, che li rende lisci e lucidi (certo non nella quantità minima che ho usato io: questa volta non ho voluto esagerare come faccio di solito e mi è andata male…). Questo trattamento lavante è da fare ogni tanto, giusto per riequilibrare soprattutto se non usate abitualmente shampoo eco-bio.

I miei capelli:
I miei capelli sono castani naturali, non trattati (l’ultimo trattamento risale a 15 anni fa), né lisci né mossi, né fini né grossi, e ultimamente con questo taglio ad altezza spalle anche molto disciplinati. Da tempo utilizzo shampoo eco-bio (ne ho due che alterno) e i miei capelli sono incredibilmente lisci, lucenti, pur non usando il balsamo (di recente in 3 persone mi hanno chiesto se ho fatto il colore :)). Però a causa dello smog cittadino e del vento in bicicletta, dopo 2 giorni sono da lavare, e anche di corsa!! E allora ho voluto provare con questo shampoo…

Il risultato:
I capelli risultano morbidi, ma più “naturali” rispetto a quando utilizzo gli altri shampoo, più voluminosi (e forse anche un filino più crespi ma devo ancora dormirci su e domani si vedrà). Il risultato finale è simile a come dopo avere utilizzato il Rassoul. L’odore che resta sui capelli è un po’ forte (soprattutto all’inizio, poi con il passare delle ore si affievolisce). La prossima volta voglio mettere molto più limone e anche un po’ di farina di cocco che ammorbidisce e profuma (e se mi gira provo anche con il cacao e la cannella). Ora vado a dormireeee, che sonno…

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle (Nessuna valutazione)
Loading...
  1. …e finirono col mangiarsi i capelli! 😆 Che idea cmq, fantastica. Mia nonna si lavava i capelli con la cenere..ha 80 anni aveva dei capelli lunghissimi si un grigio perla lucenti..si faceva delle lunghe trecce che si arrotolava in testa. Erano bellissimi.

  2. Wow!!! Mi intriga un casino! Devo provarlo… se ci mettessi anche un cucchiaino di vaniglia in polvere? Giusto per dargli una nota di profumo?
    @Romina: Che bella immagine quella di tua nonna!

  3. ps… quanto si conserva?

  4. grazie per la ricetta, davvero interessante!

  5. l’ultimo limone l’ho utilizzato stamane nel frullato … devo rimediare.
    Non so se lo sai, ma quando non si ha il tempo di lavarsi i capelli un rimedio di emergenza consiste nell’usare la farina, la cospargi sui capelli massaggi un pò e poi spazzoli bene. Assorbe l’unto dei capelli, anche se non dura molto l’effetto … però a mali estremi, estremi rimedi 🙂

  6. proverò questa tua ricetta, grazie! 🙂

  7. Bellissima ricettina, sei una miniera di consigli!
    Sicuramente ci proverò, dato che gli ingredienti li ho sempre in frigo!
    Comunque io i capelli li lavo spesso anche con il sapone naturale (a panetto) comprato alla bancarella vegan, e vengono benissimo!

  8. Grazie a voi! Questo shampoo non è nulla di nuovo ma la mia rivisitazione in chiave veg di una ricetta molto diffusa in rete (si fa col miele) e quando accade che scopro di “farine lavanti” mi entusiasmo e se anche le nostre nonne magari già le usavano a me sembrano magia pura!!!

    @Romina: 🙂 Che bell’immagine davvero quella della nonna dai lunghi capelli di cenere… io sapevo si usava per il bucato ma non mi sorprende sia ottima per i capelli!
    @Leonora: non so che proprietà abbia sul capello ma non credo possa nuocere, voi che dite? Credo si possa conservare qualche giorno in frigo ma il limone per avere l’effetto desiderato forse va spremuto al momento? Suggerisco in ogni caso di prepararla al momento e di usarla fresca (tanto la si fa in un attimo…)
    @Nadir: brava, io lo prendo a digiuno spremuto! Io sapevo del borotalco e in effetti si somigliano… questi rimedi estremi di una volta mi piacciono assai!
    @Bianconiglia: carinissimo il nome 🙂 Non l’ho mai visto ma vedrò di farmelo capitare tra le mani, anzi, tra i capelli!! 😀

    Status capelli: stamattina avevo i capelli splendenti, quasi in piega e per nulla crespi… li sento vivi. Dubito solo sulla durata dei capelli puliti, per me domani saranno comunque da lavare… 🙁

  9. Ho appena finito la farina di ceci per fare le polpette! Potrei usare una polpetta come fosse una saponetta!!??!! Apparte gli scherzi, la farina di ceci come sostitutivo dello shampoo e’ fantastica, lascia i capelli puliti e soffici. Provero’ ad usare la tua ricetta la prossima volta! I mari sarebbero puliti se tutti utilizzassimo materie prime naturali!

  10. Ottimo, Anice!! 😀 Che ne diresti della farina di miglio…o qualcosa al miglio, pare faccia miracoli per i capelli…mi pare…

  11. Questo poi mi mancava!!! Ottimo shampo fatto in casa!!!
    Non sapevo che la farina di ceci e’ utilissima per i capelli! Oggi,grazie a te ho imparato un’altra cosa nuova!
    Bravissima!!! Continua così perche’ queste cose naturali che si preparano in casa mi piacciono un casino!!!!
    Queste rubriche sono utilissime!!!!
    I miei complimenti a te!

  12. Non so come ringraziarti per questa condivisione!

    Oltre a tutte le proprietà importanti che sono state dette,
    fa bene anche al portafoglio!!

    Grazie!

  13. La proverò sicuramente! Ho passato qualche mese in alcuni eco-villaggi e lì usavo un decotto di ortica come shampoo e olio di mandorle come balsamo e mi sono trovata molto bene! 🙂

  14. Infatti… rilavati stasera!!

    @aFederica: magari!
    @Terri: hai ragione, leggo che li rende voluminosi…Provi e ci dici? 😉
    @Mus: utilissima questa rubrica e lo sarebbe ancor più se qualcuno si decidesse a pubblicasse una ricetta di dentifricio… ah già Mus, sei tu quella!! 😀 Dai, quando ce la mostri? No no no, ora aspetto che sia la vostra la prossima, io non pubblico più…
    @Marika: ma grazie a voi che apprezzate!
    @Dalila: wow, davvero? Immagino che bellezza…. avevo sentito anche dell’edera ma non trovandole sugli scaffali mi è forse più semplice con la farina 🙂 Grazie mille, magari ci pubblichi la tua ricettina?
    😉

  15. potrei provare anc’io a fare lo shampo in casa sono sicro ce non è difficile.

  16. volevo dire che non è difficile

  17. Mi spiace ma dovrai attendere ancora per il dentifricio, siccome vorrei pubblicare un buon prodotto fatto in casa, il dentifricio che ho fatto qualche giorno fa’ non e’ come lo avevo immaginato e quindi appena mi rifornisco di altri ingredienti lo riprovo a fare. Potrei anche pubblicarlo così, ma per voi voglio il meglio!
    Tu, continua pure a pubblicare perche’ prendo appunti infatti ho convinto anche i miei genitori a lavarsi con lo shampo con farina di ceci! Ci hai dato veramente un’ottimo consiglio!!! Brava Anice e limone!!!!!

  18. xd capelli di emmarale allo sciampoo di ceci e yogurt 🙂

    tornando seria….. sai ke mi hai fatto venir voglia di provarlo??? Io ho i capelli tendenti al crespo e lunghi: dici ke va bene? o hai altri consigli???

  19. @Daddo: Sì sì, è facilissimo e soprattutto molto personalizzabile con aggiunte varie…
    @Mus: Davvero lo hai fatto provare ai tuoi??? Va beeene… attendiamo che il tuo dentifricio sia perfetto (per noi imperfetti che ci meritiamo solo il meglio!! :)).
    Scherzi a parte, io pubblico ma ovviamente necessito delle vostre aggiunte per cercare di raggiungere la perfezione 😉
    @Fatina: mi sa che non è proprio il tuo shampoo… capelli lunghi e se tendono un po’ al crespo forse è meglio qualcosa di più disciplinante… però, tentar non nuoce e direi che se hai il coraggio di uscire il sabato sera dopo la “zuppa di cipolle” puoi certamente uscire con i “capelli ai ceci”!!! 😀

  20. Con la cenere mia nonna lavava i panni…mah comunque!
    Wow, super natural e super facile.. 🙂
    Se il problema e’ che vengono crespi io consiglio sempre di fare prima un impacco con olio di semi di lino (fatto con un asciugamano bagnata calda) per una 10ina di minuti…Sono nuova ma questo impacco mi sembra cosi’ utile!

  21. I miei genitori son troppo forti! Quando gli ho proposto il tuo shampo ai ceci mia mamma ha messo subito da parte un po’ di farina di ceci perche’ con l’altra doveva farci le panelle.
    Appena si finira’ la scorta di shampo mi sa che useremo a vita farina di ceci!!!!! E’ perche’ no! Fa bene al capello ed e’ veramente ottimo a quanto sento!
    Grazie ancora per le stupende idee che ci doni!

  22. Comunque, poi ti faro’ sapere della shampata ai ceci!

  23. La ricetta è semplice, basta prendere le cime delle ortiche e metterle a bollire in acqua per circa 20 minuti, filtrare e applicare le foglie di ortica sui capelli. Coprire con un panno di lino e lasciare riposare per una mezz’ora, risciacquare con il decotto ottenuto. Viene bene anche con la radice di bardana! 🙂

  24. @Moonkissed: grazie per il suggerimento, ne faremo tesoro… ho appena letto che per i capelli crespi è formidabile anche l’olio di broccoli (ed è anche di stagione :))
    @Fatina: sentito? Lino e broccoli, puoi scegliere 🙂
    @Mus: super!!
    @Dalila: super espertissima, grazieeee!

  25. Io non uso shampoo da mesi! Bicarbonato o farina di ceci con acqua, friziono e via. A volte uso solo bicarbonato, a volte solo farina di ceci, a volte li mescolo insieme, ormai ho il mio barattolo con la farina e il bicarbonato, e un bicchiere in bagno, metto un dito di farina nel bicchiere, acqua, ed è fatto. Il meglio si ha risciacquando con aceto di mele, insomma, sciacquo, quando sono puliti metto due dita di aceto di mele nel bicchiere, aggiungo acqua fino a metà, verso sui capelli, friziono e poi ancora un risciacquo veloce. A farlo ci vuole tanto quanto uno shampoo, niente di più. All’inizio i capelli, abituati ai balsami del commercio, si sporcavano prima, ma dopo due settimane si sono abituati, ora li lavo anche dopo 3 giorni (io li ho sempre avuti grassi e questo è sempre stato il mio massimo), sono belli come con gli shampoo più validi che ho trovato, inquino meno e uso solo cose naturali 🙂

    Però ora voglio provare anche io ad aggiungere yogurt o almeno il limone, visto che sono grassi male non dovrebbe fare! E anche io avevo sentito delle foglie di ortica, anche se veramente avevo letto di usare l’infuso e non le foglie, pare accentui i riflessi dei capelli castani, magari provo 🙂

  26. Super Daniela, sei troppo avanti!! (il “Ganzooooooooo” se non era per te, e non ne sarei così certa, te lo dedico :))
    @KoUraky: 🙂

  27. Anice e limone: 😀 lo devo testare adesso: ci ho aggiunto ank dell’olio di mandorle x evitare ke mi vengano i capelli troppo secchi, ke ne dici???? (Nn ho fatto 1 pasticcio vero??? 6 tu l’esperta in qst campo :-D)
    E adesso in doccia a mangiare….. spaghetti ai ceci (1 po’ troppo capellosi x i miei gusti)xd

  28. Fatina scusa se ti rispondo solo ora ma tanto gia’ lo avevi fatto 😀
    Quindi? Come sono venuti? A me sinceraente sono rimasti puliti i soliti 2 giorni, a 3 non ci arrivo nemmeno con questo!! Rifatto un’altra volta ma non e’ cambiato molto, altro che secchi… Boh, ora son ritornata ai miei soliti shampoo anche perche’ l’odore di ceci mi ha dato la nausea 🙁
    Da tenere per emergenza quando finisce lo shampoo…

  29. Allora! Dopo che mio padre si era lavato la testa con la tua ricetta alla farina di ceci e infatti ti fa i complimenti perche’ si e’ trovato bene!(l’unica cosa che non aveva lo yogurt e non l’ha messo)oggi li ho lavati anche io e mio marito,mettendo sempre la farina di ceci e acqua e siccome non avevo il limone, ho aggiunto qualche goccia di aceto, comunque l’ho fatta un po’ piu’ liquida. Mi son trovata bene!!!e anche mio marito!!! Oltretutto abbiamo i capelli corti e che dire, ci ha lasciato la cute pulita e il capello e’ morbido….quindi grazie per questa ricetta e idea meravigliosa!!! Mi spiace che non ti sia trovata bene, forse e’ piu’ adatto a un capello corto, comunque e’ per noi che l’abbiamo provato e’ un ottimo shampo!!! Aggiudicato!!!! Complimenti da tutta la famiglia!!!!

  30. Io ho i capelli lunghi, tanti e grossi eppure la farina di ceci funziona benissimo! Devo solo strofinare e risciaquare con più cura rispetto agli shampoo tradizionali. La uso con sola acqua, oppure con miele o con aceto di mele. Rispetto al ghassoul mi fa i capelli più lisci.

  31. Ciao Mala, grazie per il tuo intervento, ma ti ricordo che i vegani non utilizzano il miele. Ti invito a leggere il regolamento etico che trovi qui nel sito http://www.veganblog.it/etica-vegan/ 😉

  32. ho usato questo shampo sui capelli di mia figlia di 7 anni e li ha lavati bene. L’unico inconveniente è che è granuloso e lascia residui anche dopo un abbondante risciacquo (tipo forfora!!)
    Non ho messo il limone perchè nn ce l’avevo ma credo sia stato meglio così dato che Asia non ha i capelli grassi, anzi, dopo il lavaggio erano un po’ secchi e opachi.
    Volevo anche chiedere: cosa si può usare come balsamo naturale? Lo yogurt potrebbe andare bene?
    grazie
    Francesca

  33. Eccomi, sono viva!!
    Scusate l’assenza ma mi sono presa un lungo periodo di “detox da pc “iniziato con un abbassamento della vista che unito all’arrivo della bella stagione mi ha portata lontano anche da questo luogo di perdizione 🙂
    Ci tenevo a dirvi che con Mus ci siamo sentite privatamente via mail per lo scambio di ringraziamenti sul tema (mai avrei potuto temporeggiare così tanto nel ringraziarla!). Però anche qui aggiungo che mi fa molto piacere sapere che questa soluzione è lo shampoo usato attualmente da tutta la sua famiglia (e che a giudicare dal grado di soddisfazione lo sarà anche per le generazioni future, nonché per tutte le persone che entreranno in contatto con uno di loro :D).
    Purtroppo per i miei capelli non mi trovo bene, soprattutto per l’odore di ferro che mi lascia (ho un naso super fino e sento ogni minimo odore amplificato!!).
    @Mala: ma come? sono solo i miei capelli a fare i capricci?? ;( Sono certa il tuo miele sia stato questo: http://www.veganblog.it/2011/04/01/miele-vegano/ :))
    @francy: benissimo! Credo proprio uno yogurt come quello di soia vada benissimo come balsamo (infatti questo è già shampoo e balsamo :)) e se unito al succo di limone l’effetto è… lucidissimo!

    Grazie a tutti, a prestissimo (speriamo)!

  34. e x il problema residui? nn credo ci sia soluzione, qualcosa rimane..anche se nn si nota tantissimo 🙂

  35. @Anice e limone: non so. Io ho i capelli molto spessi, appena ondulati e belli lunghi, molto porosi. Uso spesso solo acqua e farina. Strofino molto bene e risciacquo a lungo: non mi restano residui di nessun tipo. Non uso balsamo. L’odore è vero, è un po’ forte, ma a me non dispiace. Come emolliente una volta ho anche usato la lecitina di soia, ma è “trafficosa”: bisogna ricordarsi di metterla a bagno in acqua un’oretta prima e anche così non è semplice scioglierla. E, a proposito del miele vegano: su questo blog scrivono dei veri geni! 🙂

  36. geniale!! ma si puo conservare in un contenitore dashampoo oppura va fatta per forza sul momento??? perchè se si puo mi faccio le scorte!!

  37. Eccomi ritornata! (ma non del tutto, questo è un periodo assai complicato…)
    Grazie Mala 🙂
    @Lilly: potresti anche(immagino) conservarlo 2/3 giorni in frigo ma poi sarebbe ghiacciato una volta in testa… direi forse meglio prepararlo al momento 😀

  38. ho provato a conservarlo per qualche giorno in frigo, ma va a male per cui è meglio (secondo me)preparare di volta in volta la dose necessaria. Lo sto usando su mia figlia alternandolo allo shampo ecobio perchè le appesantisce un po’ i capelli (probabilmente perchè sono tanti fini)

  39. lo proverò certamente!! devo solo riuscire a trovare lo yogurt di soia, qui al supermercato è un’utopia!

  40. però interessante….!!! anche se non ho finito lo shampoo,lo proverò.sei una maghetta:) 🙂

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti