Germogli di bambù all’italiana

Ricetta orientale o italiana? La posto fra le ricette etniche anche se la pietanza ha un tocco italianizzato :mrgreen:
Vi avevo già detto in altre ricette che al negozio etnico cinese, ho acquistato molti prodotti interessanti.. Tra i quali anche questi buonissimi germogli di bambù. Prima di dirvi gli ingredienti faccio una breve premessa. Non avrei, forse, mai acquistato i germogli di bambù (li ho pagati  soli 0,60 centesimi alla busta)… Ma Adriano ogni volta che mi parla della Thailandia, fa riferimento a questi buonissimi germogli… E così, quel famoso giorno in cui mi sono recata a Piazza Vittorio e ho notato sullo scaffale questa busta con i germogli, mi sono detta: “Perchè non comprarne qualche busta e provarli??”. Ieri mi sono cimentata nella preparazione, effettivamente mi sono resa conto che non sapevo proprio da dove cominciare visto che non li avevo mai assaggiati. Così informandomi su intenet, ho letto che gli stessi possono essere lessati o cotti ripassandoli in padella… Io ho optato per il ripasso in padella…

Ingredienti:
1 busta di germogli di bambù (250g)

4-5 pomodoretti rossi freschi
2 coste di sedano con foglie
2 spicchi d’aglio
olio evo
pepe
1 pizzichino di curry e peperoncino

Procedimento:
Ho sciacquato i germogli (conservati in busta con acqua e sale) e scaldati in padella qualche minuto con 1 filino d’olio e 2 spicchi d’aglio. Ho fatto sfrigolare davvero qualche minuto e poi ho aggiunto dell’acqua per continuare la cottura senza friggere. Ho aggiunto i pomodori tagliati a dadini e il sedano tagliato a pezzetti e fatto cuocere a fuoco medio con coperchio (non so darvi un tempo di cottura). Ho spento il fornello solo quando l’acqua si era ben asciugata e si fosse formato un buon sughetto di pomodoro. Ho insaporito con le spezie di cui sopra, girato per bene e servito al mio amato che ha apprezzato davvero moltissimo. Lui ci ha condito la pasta e ne ha mangiati due bei piattoni, tanta la fame e la bontà di questi germogli cucinati in tal maniera.

P.S.:
Bè certo , anch’io ero curiosa di assaggiare e sentirne il sapore (ne ho assaggiati una forchettata) , devo dire che sono veramente ottimi!!!!!! Soprendentemente deliziosi e teneri al punto giusto. Su internet c’è scritto che il sapore ricorda il carciofo. Per me il sapore è di fungo-carciofo.

P.S.2:
Oggi a Roma è festa, si festeggia S. Pietro&Paolo, per questo, visto che non abbiamo lavorato, abbiamo fatto una passeggiata in una Villa (parco grande) di Roma e lui si è ripappato nuovamente un bel piatto di conchiglie con i germogli…
Strepitosi!! 😛

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle (Nessuna valutazione)
Loading...
  1. eccola!!! che meraviglia questa ricetta!!!
    ma sai che non li ho mai visti così in busta i germogli? cioè freschi li prendo spesso ma non so proprio come si faccia per farli diventare così come si vedono in busta!!! mmmmm voglio copiare la ricetta!!!! li cercherò al supermercato!!! 😀

  2. Io li ho trovati solo così, e vista la curiosità, li ho presi!! Forse sono semplicemnte lessati..!! Se li trovi, lessali e poi ripassali in padella.. Sono buonissimi!! 🙂

  3. Wow! Mai mangiati i germogli di bambù.

  4. Non li ho nemmeno mai visti, ma hanno un aspetto slurposissimo! Sai che non sò nemmeno se a Como esiste un negozio etnico che li vende 🙂

  5. Come detto nemmeno io, e nemmeno io avrei mai pensato di assagiarli, ma sono buonissimi. Questa versione mi è piaciuta tantissimo.. E poi anche Adriano ha apprezzato moltissimo… Se vi capita di trovarli, sono da provare!! 🙂

  6. non ho mai provato i germogli di bambù..appena li trovo li prendo. Bella ricetta come sempre!

  7. Grazie Yu!! Se li trovi provali, perchè sono deliziosi, ovviamente nella versione che desideri.. La mia è stata una prova decisamentre buona.. Ma ci sono milioni divarianti!! 😉

  8. Neppure io credo di averli mai assaggiati… grazie Mimi dell’idea!!

  9. Per Chicca: i germogli di bambù dovresti trovarli anche in qualche discount (Todis un tempo ce li aveva) o, forse, nei supermercati Elite

  10. Che ricetta curiosa!! Devo andare in un negozio etnico e cercare i germogli di bambù e provarli in padella!! Hai una fantasia invidiabile!! Bravissima!!

  11. Naaaaaaaaa 🙂 solo curiosità e questa versione mi sembrava ottima per gustarli ( visto che non sapevo a cosa andavo in contro ) 😉

  12. Sai Mimi, questo piatto se fosse stato servito in un ristorante l’avrebbero descritto come un esempio di cucina fusion! Anche ben riuscito e se sono piaciuti pure all’uomo… beh!

  13. Ho italianizzato il bambù cinese.. Eh sì diciamo un esempio di cucina fusion 😉 . L’uomo ha graditissimo e anch’io, con quella forchettata che ho assaggiato, sono impazzita per la squisitezza. Ne ho altre tre buste.. Non vedo l’ora di riprovarli con qualche altra variante 😀

  14. Bravissima Mimi!!! questi germogli italianizzati sono uno spettacolo di bontá!!! devono essere deliziosi!!!

  15. Ripasso in padella fa subito gola come lo dici effettivamente! Bravissima!

  16. Se li trovo li compro Mimi, mi sembrano buoni e poi se tu dici che sono strepitosi ci credo.

  17. Davvero ottimi, nemmeno io l’avrei mai creduto 😉

    Grazie a tutti 😀

  18. Bellissima!!!!!!!! E che dire…. Scopro un sacco di cose nove con tutti voi!!!!!! Grazie 😉

  19. Wow!!!
    La devo provare subito!
    Germogli di bambù….che stile!

    Camy.. io sono una patita per la cucina!!
    E non compro pane da un anno…lo faccio io 😀

  20. P.S. consiglio per il sedano:
    è buono fresco e si rovina subito.

    Ahimè almeno in questo caso cedere ad freezer:
    lavarlo, tagliarlo a diverse misure per poi poter scegliere e congelarlo già pulito e tagliato.
    Sempre fresco e profumato per le nostre ricette!

  21. @ Gemma: Anch’io insieme a voi ho scoperto nuovi ingredienti e alimenti che non conoscevo 😉 Felice ogni volta di una nuova scoperta 🙂

    @ Brunella: Fai benissimo a farti il pane da sola, io non lo faccio spesso perchè se no andrebbe nella spazzatura 🙁 ( altrimenti dovrei congelare anche quello ), però è decisamente meglio e più soddisfacente di quello che si compra :D. Riguardo il bambù posso dirti che è davvero ottimo 🙂 e grazie per il consiglio del sedano.. Lo farò anche per le altre spezie 😛

  22. Ciao Camy!!
    Guarda io pane ne mangio pochissimo, generalmente un panetto da 300 gr mi dura una settimana, perché cmq non è che lo mangio per forza ogni giorno.
    Poi credimi quando lo fai con: le tue farine integrali biologiche, lievito bio e naturale (io uso lievito di pasta madre di frumento), malto d’orzo e non miele per lievitare, semi tostati (uhmmm)… diventa un pasto, non so come dire, acquista spessore, ne basta di meno e mi sembra veramente cibo.
    Mentre il pane comprato mi sembra aria… e zucchero (perché quello bianco è un carboidrato semplice…cioè zucchero!)

    Ho capito va… te lo devo fare io 😉

  23. Si infatti è una grande soddisfazione quando lo fai con le tue manine.. Di tanto in tanto lo faccio, come ti ho detto, non spesso perchè non mi và di congelarlo ( anche se a dire il vero il congelatore è pieno e non ho spazio ). Comunque è tutta un’altra cosa.. E’ vero , quello acquistato è bianco ( e già questo è decisamente deprimente ) in più , come hai appunto detto, fatto lievitare con lo ZUCCHERO… 😈
    Io ancora non ho fatto il lievito madre, ma sto meditando per arrivare anche a quello 😀

  24. No vabbè io lo compro da NaturaSì il lievito.
    Ed il problema di base è la questione dei carboidrati semplici (cioè zucchero) che sono tutte le paste bianche e i pani bianchi, fatti con farine raffinatissime che non hanno più nessun nutriente e fanno ingrassare. Io ormai mangio solo pasta integrale bio, l’altra mi sembra gomma.

  25. Fai benissimo, io sto cominciando la conversione di Adriano per l’integrale, che è ricco di nutrienti! 😉
    L’unica farina bianca che compro, e ci tango a sottolineare “0” e non “00” che è super raffinata, la utilizzo per preparare il seitan. Il resto delle farine sono integrali, bianca uso di tanto in tanto quella di kamut e di farro, ma anche quì preferisco l’integrale.. Ne ho una scorta a casa di farine 😆 ( anch’io acquisto da naturasì 😉 ).

  26. Oriental Angel 2 luglio 2010, 10:00

    Questa me l’ero persa!!! i germogli di bambù sono buonissimi!!! e cucinati come hai fatto devono essere strepitosi davvero!! per condire quei conchiglioni poi… sbav!!!
    li proverò Mimì, perchè ho giusto un barattolo di germogli in dispensa!!!

  27. Siiiii, prova prova prova.. Sono ottimi!! 🙂

  28. Ciao,
    i germogli li hai presi a piazza vittorio?
    Io anche li compro da più di un anno, ed ho appena provato la tua ricetta.
    Complimenti!

  29. Sì li ho presi a pizza Vittorio.
    Mi fa piacere tu abbia provato la ricetta, ti è piaciuta??
    a me ha fatto impazzire 🙂

  30. Carina questa fusion…
    speriamo che un giorno tutto il mondo sia unito e senza frontiere!
    come sognava Lennon in “Imagine”…
    abbraccio ovale-arcobaleno
    😉

  31. Lo spero davvero Mary…
    La canzone di Lennon era pure poesia, un sogno raggiungibile con l’impegno di tutti!
    Bellissimo l’abraccio arcobaleno 🙂

  32. Ieri trovandomi a fare la spesa in quel negozietto di piazza vittorio mi sono ricordata di Barbara Gulielmetti(come si fà)e ho cercato i “germogli di bambù” e su consiglio del negoziante li ho messi nell’ insalata. Non vi dico quanto facevano schifo, certo erano crudi! Ora però grazie a internet imparerò a cucinarli bene. Ciao

  33. Ho appena procurato da un gruppo di ragazzi equo e solidale una quindicina di germogli di bambu’, ma sono lunghi circa 30 cm, un tronchetto con in sommita’ alcune fogliette. Penso che la cuticola esterna puo’ essere rimossa facilmente e magari si possono tagliare a fettine a fare un bella insalata.
    Qualcuno di voi a mai provato a farli cosi’? Questo sarebbe l’unico modo per mangiarli crudi e non perdere cosi’ le vitamin.

  34. Aiutoooo,io li ho trovati freschi e ora come li cucino?!!!

  35. freschi li puoi consumare tagliati finissimi con ul goccio di olio delicato e scorretta di lime o limone

    altrimenti cottura al vapore delicata

    bless and love!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti