Scones inglesi

La mia prima ricetta penso proprio che sarà qualcosa di dolce e di inglese, per ricordare i momenti passati in Inghilterra che questi giorni mi manca un po’. Gli scones sono infatti una sorta di mega pasticcini che vengono mangiati con la marmellata di fragole e un tipo di panna particolare fatta in Cornovaglia (noi ovviamente li mangeremo con la marmellata e la panna di soya).
scones.jpg
Ingredienti (per 6 scones):
225 g di farina bianca
150 ml di latte di soia
3 cucchiai di margarina vegetale
2 cucchiai di zucchero di canna (polverizzato se potete con un tritatutto)
1 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiano di bicarbonato di soda
1 po’ di sciroppo d’acero per spennelare gli scones

Procedimento:
Passate la farina, lievito per dolci e bicarbonato in una ciotola grande. Aggiungete la margarina e lavoratela con le mani così da ottenere una consistenza tipo pan grattato. Aggiungete lo zucchero. Fate un buco nel mezzo della farina e versateci il latte di soya, mescoltate finché non avrete un impasto. Cospargete una superficie di farina e lavorate l’impasto per 5 minuti. Fate un rotolone con l’impasto e tagliatelo in 6 parti uguali, oppure se avete una formina rotonda per farli rimanere meglio. Devono essere belli rotondi e spessi più o meno 2 dita. Spennellateli con un po’ di sciroppo d’acero o di latte di soia e cuocete in forno pre-riscaldato per 15 minuti a 200° su una teglia preoleata/inmargarinata :P. Serviteli con della marmellata alle fragole, panna di soia o margarina di soia (se volete) e una bella tazza di thè con latte vegetale per avere uno spuntino prelibato da veri inglesi 🙂

1 Punto2 Punti3 Punti4 Punti5 Punti (No Ratings Yet)
Loading...
  1. Benvenuto Alessio.
    come prima ricetta non c’è davvero male. :-)))))))))))))))))))))

  2. Ciao alessio, benvenuto.. carina quiesta ricetta, poi mi piaccioono anche con ripieno salato:D

  3. Ciao Alessio!!! Grande!!! Questa ricetta è un ottimo biglietto da visita, non c’è che dire!
    Complimenti davvero e benvenuto!
    Li farò al più presto e ti farò sapere!
    Bacino! 🙂

  4. Cosa vi avevo detto ragazze, occhio agli ometti! E’ dura stargli dietro, sono veramente bravi quando si mettono ai fornelli………..benvenuto Alessio sarai coccolato anche tu………o tu coccolerai noi se ce ne sarà bisogno 🙂 Bacio 🙂

  5. Bella ed interessante questa proposta, non mancherò di provarla, un saluto di ben venuto, alla prossima!

  6. Ehilà Alessio, niente male davvero, se questa è la prima non oso pensare alle altre, benvenutissimo nella famiglia Veganblog 😛

  7. hey grazie a tutti per il benvenuto, mi fa piacere che ci sia gente così calorosa su questo forum e inoltre che apprezzi le mie ricette hehe. spero continuerete ad apprezzare le mie ricette anche in futuro! 🙂

  8. mmmmmmm……….che fameee!!!

  9. Benvenuto anche da me… devo ancora provarli, gli scones, e penso proprio che partiro’ dalla tua ricetta 🙂

  10. Caro Alessio,
    sono andata a sbirciare nel tuo sito e devo dire che, oltre al fatto che sei proprio un bell’ometto 🙂 , ma quei piatti fantastici li hai fatti tu??????

  11. paola, grazie dei complimenti.. quelle foto sono di qualche anno fa, però nn sono cambiato di molto..

    e per quello che riguarda lei foto dei piatti sì, purtroppo la mensa al lavoro non ci offre molti piatti vegani.. c’è un reparto insalate fai da te, altrimenti il resto è tutto carne e burro ovunque.. così preparo sempre un’extra porzione la sera prima e la porto il giorno dopo per pranzo..

  12. Ciao Ale visto che abiti in Germania non è che fra le tue ricette c’è per caso Il Pan di Spezie che è di tradizione nordica, al Ldl ci sono delle formine di pan di spezie ricoperte di cioccolato fondente che sono la fine del mondo, ho guardato gli ingredienti meraviglia delle meraviglie non ci sono né le uova né latticini, sarebbero da sperimentare però prima magari chiedo se per caso hai già la ricetta sarebbe tutto più facile!!!

  13. ah ma dai, di solito non faccio la spesa al Lidl però andrò a dare un’occhiata appena ho occasione. tanto ne ho uno vicino casa. sai per caso di che non-marca sono? 🙂

  14. Buoni buoni!! Benvenuto e complimenti per la tua ricetta!

  15. biglietti da visita 8 dicembre 2008, 21:14

    fatti… sono troppo buoni

  16. Bhè complimenti davvero!
    Spero che posterai le ricette di tutti quei piatti meravigliosi!!!

  17. Visto che il commento di Paola mi ha incuriosito…..dove sono le tue foto? Dove caspiterina le hai nascoste che io nel tuo sito non le vedo? Prima o poi qualcuno romperà il ghiaccio anche qui e si farà fotografare ai fornelli così che quando comunichiamo sabbiamo che faccia ha ognuno di noi! Giusto Paola? 🙂

  18. sto aggiornando un blog che ho aperto da qualche giorno così potrete vedere le foto (almeno quelle x il momento.) le ricette poi le posterò anche qua 🙂
    cmq l’indirizzo è alessioisonfire.wordpress.com quello che c’è anche nelle info del mio profilo!

    (o se proprio volete vedermi.. eccomi. almeno sapete che faccia ho haha
    http://www.facebook.com/photo.php?pid=1194488&l=3f5d8&id=510332475)

  19. Chicca!!!!! Io comincerei subito ma mi vergogno!!!!!!!!!!! Solitamente per timidezza non faccio mai il primo passo ma mi sa che dovrò farlo visto che nessuno si decide!!!

  20. Comincio io dai, mi potete trovare in fondo a questa pagina http://arielveganfashion.blogspot.com/2008_11_01_archive.html
    oddio che emozione 😳

  21. Paola, siamo già in due ad esserci fatti vedere hehe.

  22. No Ale quella è Stellaaaaaaaa!!!!!!!!!!!
    Ma che bella che seiiiiiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!
    Il tuo vero nome è Maria quindi? La mia amichetta! Che emozione! 🙂

  23. stella che bella! sembri…liza minelli!!!! e che bello l’ometto! cavolo 18 mm!!!!

  24. Giorgia……………scusa la disattenzione……….ma che significa 18 mm???

  25. ciao Alessio, i tuoi scones sono davvero invitanti…
    xò io da stra golosa li servirei con un po’ i crema di nocciole veg 😉 … va beh benvenutoooo

  26. e di chi è il merito di aver portato alla ribalta cotanta beltade e strafigaggine? io, me!
    e sa pure cucinare bene…
    se non fosse già occupata, la Stella andrebbe a ruba

  27. credo sia il diametro di quell’ “anello” che ha all’orecchio…scusa alessio al momento non mi viene in mente come si chiama…mannaggia!!!

  28. @Paola sì è il diametro dei miei “orecchini”, se vogliamo chiamarli così. a dire il vero non conosco il nome in italiano e ce ne sono diversi.. quelli che vedi in quella foto, in inglese, si chiamano eyelets.

    @Roberta non vedo perché non potresti servirli con della vegella (l’avete soprannominata così o ricordo male?) magari riscaldati al forno così si scioglie bene. hmm mi hai fato venire fame 🙂

  29. a proposito, Stellina, puoi anche andare direttamente al link sul tuo articolo senza passare dall’intera pagina di archivio:
    http://arielveganfashion.blogspot.com/2008/11/vegan-del-mese-stella10.html

    baci!

  30. @ ariella, ma che tesoro che sei, sono veramente lusingata di essere presentata così da una veterana come te, ci assomigliamo molto anche come tempistica io sono diventata vegetariana poco prima di te e vegane poi lo siamo diventate praticamente insieme, insomma a volte non importa conoscerci di persona ci basta sapere che esiste una famiglia spirituale dove le persone parlano la stessa lingua perchè provano gli stessi sentimenti. Ti mando un bacione grande grande

    @ Alessio che tipo che sei in tutti i sensi, molto ma molto interessante … mi piacerebbe avere un nipote come te 😉
    Per quanto riguarda i biscotti di pan di spezie ricoperti di cioccolato c’è scritto sopra “Favorina” e come sottotitolo “Gingerbread” sono veramente buoni e credo non impossibili da farsi.

    @ georgia anch’io mi domandavo cosa fossero quelle misure :mrgreen: ci ha pensato la Paoletta a chiedertelo, non avevo il coraggio ah, ah, …. 😆

  31. Stella, ho capito di cosa parli, li ho già visti in giro. appena ho un secondo farò un giro al Lidl e ti saprò dire. chissà che non ci sia già la ricetta in giro da veganizzare da qualche parte 🙂
    (e poi grazie dei complimenti, avere qualcuno di vegan nella famiglia sarebbe veramente interessante e pratico! ma ahimè.. sono l’unico. così tocca cucinare a me se voglio fare qualcosa di più particolare quando sono in visita a casa hehe)

  32. Cara Stella,
    di solito sono quella che fa sempre le domande, di qualsiasi tipo! 🙂 🙂 🙂 🙂
    Ma non poteva essere una domanda impertinente, non abbiamo mica a che fare con un minipuffo!!! 🙂

  33. Ciao Alessio,
    li ho appena sfornati e non so se riuscirò ad attendere domani mattina per mangiarli a colazione… Gnamm…
    Io ho utilizzato la farina di farro, ho sostituito la margarina vegetale con 75 ml di olio di semi di girasole ed ho grattuggiato nel composto un pò di buccia di limone.
    Forse a causa dell’olio, il composto é risultato un pò troppo molliccio, l’ho quindi suddiviso in uno stampo in silicone per muffins: l’aspetto ed il profumo sono ottimi !
    Grazie e buona serata a tutti,
    Ele.

  34. oh che bello, anche io quando li ho preparati nn sono riuscito a resistere e ho dovuto provarne almeno uno hehe. mi fa piacere che tu abbia sperimentato e modificato la ricetta a tuo gusto, alla fine fa parte dell’essere creativi 🙂
    fammi sapere poi come sono rimasti!
    buona serata anche a te (e enjoy the scones, should i add!)
    aX

  35. Ragazzzi ora capisco tante cose della nostra Stellasa, come la chiama a volte Renata, tanto di cappello cara Stella….adesso capisco meglio e apprezzo alcuni tuoi modi di esprimerti e di infervorarti……..io me lo sono sposato un leone e lo sopporto da quasi 28 anni ormai 🙂
    Caro Alessio ti pensavo un omaccione, invece sei un cucciolo con l’orecchino……..a proposito io non amo molto gli orecchini, la mia peste ne ha 2, messi con il permesso di papi e tanto brontolare di mami………ma credimi se ti dico che vorrei che un giorno la peste imparasse a cucinare e apprezzare la cucina vegan come fai tu…..come si suol dire non è l’orecchino che fa il cuoco!!!!!!
    Ragazze ora il ghiaccio è rotto quindi pregasi mettersi in ghingheri davanti ai fornelli, non possiamo certo presentarci come delle cenerentole vista la bellissima Stella e il nostro Alessio………un bacione a tutti 🙂

  36. hehe, no ho solo 25 anni e i lobi sono allargati da tutte e due le parti.. purtroppo c’è ancora parecchia ostilità da parte del mondo esterno verso i modi di adornare il proprio corpo, però vabeh.. peggio per loro 😛
    e nn ti preoccupare x tuo figlio, l’importante è che sia una persona sana di mente, poi se hai tatuaggi o orecchini quello è rilevante. fa parte della sua personalità e espressione (chiamala artistica o come vuoi) proprio come la tua compassione per gli animali e l’essere vegana (o almeno credo) 😉

  37. No dai tutte e due quelle belle orecchiette allargate!!!! Come dici tu sicuramente è una questione anche culturale quella di adornare il proprio corpo che non tutti capiscono, io non è che non la capisco è che diciamo non mi fa impazzire…….Io non sono vegana, anche se sono sulla buona strada………sarà l’aria di questo meraviglioso blog………..un saluto affettuoso Alessio 🙂

  38. io non ho ostilità verso chi si adorna il proprio corpo come meglio crede, da pluritatuata e felice di esserlo non potrei mai. Ma se per me un disegno (soprattutto xchè fatto da me) ha un significato, l’allargamento del lobo per te cosa rappresenta?
    Io credevo che ogni “passaggio” in larghezza rappresentasse un proprio traguardo, mi sbaglio?
    Siamo andati decisamente fuori tema, ma sarebbe bello discutere anche di questo gustando i tuoi mega pasticcini!!!

  39. Caro Alessio,
    sono semplicemente favolosi !
    Forse sono venuti un pò più morbidi dei tuoi, visto l’olio che ho messo io, più simili a dei muffins, belli lievitati…
    La prossima volta aggiungerò al composto dei mirtilli o, meglio ancora, dei lamponi: la prima volta che ho mangiato gli scones li avevo presi ai lamponi, ancora mi ricordo di quanto erano divini !!! Slurp…
    Ciao ciao,
    Ele.

  40. @roberta, penso che ci siano molte cose che si facciano che nn abbiano un significato vero e proprio. il fatto di avere allargato i lobi per me è stato un modo per adornare il mio corpo, come tu magari ti metti una collana piuttosto che un’altra per sentirti più bella o che so io.. 🙂

    @elettra, vacci piano con le modifiche! lol.. forse li stai confondendo proprio con i muffins?
    che mi ricordi nn mi pare di averli mai visti con i frutti di bosco dentro. sono semplici così o al formaggio di solito..

  41. Ciao Alessio,
    sono sicura che quelli che ho preso ai lamponi fossero scones (me li ha fatti assaggiare una mia collega che aveva mangiato gli scones proprio a Londra), solo che quella volta eravamo a Chicago, in uno Starbucks… Puoi quindi immaginare…
    Ed infatti, lo riconosco, quelli che ho sfornato io assomigliano effettivamente di più ai muffins… Ma sai quanto sono buoni, lo stesso ? 😉
    Buona serata,
    Ele.

  42. ah ecco, ora si spiega tutto. ti chiedo scusa allora, gli scones americani sono tutta un’altra cosa. questa diciamo che era la ricetta per quelli originali inglesi hehe. cmq benvengano le varianti 🙂

  43. ciao…non è che per caso sapreste qualcosa anche sulla storia e le origini di questi dolcetti??mi servirebbe qualche informazione da inserire nella mia tesina di maturià…grazie mille..

  44. giada dai un’occhiata qua, http://en.wikipedia.org/wiki/Scone_(bread), purtroppo nella versione italiana nn ci sono molte info.. oppure fai una ricerca su google!
    facci poi sapere com’è andata la tua tesina 😀

  45. Ciao lobino 🙂 Fatti oggi pomeriggio farciti con la mia marmellata di fragole……mmmmmmm….la peste ho dovuto fermarlo altrimenti se li sparava tutti lui 🙂 Semplici e velocissimi, ci vuole più tempo a scaldare il forno che a farli, grazie Alessio, bacio 🙂

  46. hehe, che bello chicca. sono contento li abbia mangiati con piacere 🙂
    a me dispiace di nn essere stato molto presente ultimamente, sono un po’ bruciato dall’inverno/lavoro.. per fortuna che sono in vacanza 2 settimane adesso..

  47. Effettivamente sei stato un po’ assente 🙂 Buone vacanze lobino riposati, divertiti e sopratutto cucina per noi 🙂 Bacione

  48. Grazie Alessio! Li ho fatti oggi pomeriggio. Mi sono vista Miss Marple ieri sera e mi e’ venuta troppa voglia di scones con la marmellata e una tazza di te’ ! Buoni 🙂 Ho sostituito meta’ farina con quella di farro e ho aggiunto un pugno di uvetta passa. Aumenterei un po’ lo zucchero ma dipende dai gusti. r
    ELETTRA Anche a me all’inizio l’impasto e’ venuto molto molle ma sapevo che era normale e sapevo che non bisogna impastarlo troppo altrimenti il glutine li fa diventare duri. Ma basta metterlo in una teglia parecchio infarinata e con le mani altrettanto infarinate si riesce a fare la palla (morbida) che poi si divide in 2 e si schiaccia a 2cm. Io poi ho fatto le formine con un bicchiere..

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Vai alla barra degli strumenti