Olive in salamoia

73 commenti

Queste olive non sono quelle della Sicilia, ma del mio alberello a Como, qualche giorno fa Stella mi ha chiesto la ricetta per la salmoia: eccomi pronta :)

Ingredienti:

1/2 kg di olive
1 l di acqua
100 g di sale grosso
rosmarino
aglio
alloro

Procedimento:
Queste che vedete nella foto sono pochissime (il mio alberello è da un anno nel mio giardino). Per l’esattezza erano 1/2 kg. Prima di tutto lavate bene le olive, preparate la salamoia con acqua e sale. Io ho fatto 1 l di acqua più 100 g di sale grosso che dovete sciogliere bene con le mani; usate un contenitore possibilmente di coccio o vetro, mettete le olive con aggiunta di rametti di rosmarino, aglio con la buccia, foglie di alloro. Ora dovete mettere quella che si chiama carica e cioè un qualcosa che tenga schiacciate le olive completamente immerse nella salamoia, io ho usato del legno naturale di pino che la mia dolce metà ha tagliato a misura per il mio contenitore, le olive così fatte sono pronte dopo alcuni mesi, almeno 3, perderanno completamente l’amaro e assorbiranno gli aromi.

Considerazioni:
Per il 1° novembre andrò a raccogliere quelle che abbiamo in Sicilia, e siccome quest’anno purtroppo non ci sarà il nonno Quinto, sarà in ospedale per un intervento alla schiena… mandate pensieri positivi per far si che l’anno prossimo possa essere arzillo per risalire su i suoi alberi di ulivi :) (Grazie)!!!!! Ho deciso di cominciare ad esercitarmi per la salamoi sotto la sua guida, visto che dovrò metterle via io. Quando torno arricchirò  con le foto di quelle della Sicilia :)

   
  1. Marta 7 novembre 2008 alle 10:25

    chissà che buone queste olive….io abito in svizzera e abbiamo tre piante di olivo…quest’anno sono piene di olive ma sono verdi….visto che non me ne intendo…quando si possono raccogliere?come si fà a capire che sono pronte? grazie :-)


  2. Dina D'Alessio 7 novembre 2008 alle 11:14

    Buongiorno,

    Grazie per questa ricetta Olive in Salamoia.
    Vado provare anch,io in questo modo, se ho capito bene: dopo immerso nel acqua salata e il resto, lo lascia per alcuni mesi cosi senza toccare, senza cambiare acqua??
    Visto che le olive sono belle nere adesso, mi puoi dare una risposta presto.
    grazie,tante belle saluti della bella Sabina(lazio)
    Dina D’Alessio


  3. Anonimo 7 novembre 2008 alle 15:41

    Ciao Marta, ti sto rispondendo dalla sicilia, purtroppo domani torno :( Bisogna capire che qualità sono le tue olive, non tutte si raccolgono nello stesso periodo, quando sono a casa vi farò vedere quelle siciliane, per ora ti mando un bacio dal profondo sud :)


  4. chicca66 7 novembre 2008 alle 15:44

    Ciao Marta ti stò rispondendo dalla Sicilia, purtroppo domani si torna :( Non tutte le olive si raccolgono nello stesso periodo, bisogna capire se sono bianche o nere, in settimana vi farò vedere quelle siciliane, un abbraccio :)


  5. Stella10 7 novembre 2008 alle 16:27

    Ciao chicca sei stata veramente gentile a postare velocemente questa ricetta anche perchè le olive quà da me stanno già cascando, farò sicuramente questo esperimento anche se non ho capito bene cosa posso usare come carica cercherò di arrangiarmi alla meglio, poi se ci prendo la mano a farle mi organizzerò meglio la prossima stagione. Una domanda questa carica oltre che a schiacciare fa anche da coperchio? Insomma per tre mesi l’acqua non rischia di marcire ? Grazie tantissime e ritorna con tanti ricettine del sud inedite :wink:


  6. Marta 8 novembre 2008 alle 19:18

    grazie per la risposta…comunque ho visto che le nostre olive stanno diventando scure ;-) ma non so che qualità sono…magari faccio la fotografia e la metto sul mio blog :-)
    Buon ritorno allora.
    marta


  7. chicca66 9 novembre 2008 alle 21:24

    Ciao ragazze/i eccomi qua come promesso dalla mia solita postazione vi mostro il perchè quando torno dalla Sicilia il mio cuore è triste :( Come vedete quando raccolgo le olive alle mie spalle (nelle giornate limpide) si vedono praticamente tutte le isole Eolie! L’omino nella foto arrampicato su un albero d’ulivo è la mia dolce metà :) Rispondendo a Dina e a Stella: si hai capito bene le olive devono rimanere così per almeno 5 mesi senza che si cambi l’acqua, l’acqua non può marcire per la quantità di sale in essa contenuta, unica cosa sopra si formerà uno strato non so come definirlo direi una cuticola viscida che verrà asportata ma non spaventatevi non è nociva, a volte si forma anche su quelle comprate se si lasciano per parecchio tempo nel vasetto. Per quelle in Sicilia ci siamo procurati dei piatti piani tipo quelli che si usano per le torte, abbiamo lavato bene un grosso sasso poi coperto la tinozza con della pellicola trasparente in modo da proteggere dalla polvere poi coperto con un lenzuolo. Mi hanno insegnato anche un altro modo per conservare le olive: una volta raccolte si lavano si asciugano e si mettono in una bottiglia di pastica o in vasetti il tutto deve essere bello asciutto, si picchia la bottiglia per far si che si riempia bene si sigilla senza aggiungere nulla e si ripongono al buoi per 6/8 mesi, praticamente da quel che ho capito fermentano perdendo l’amaro, quando si aprono vanno condite come meglio preferite con olio, sale, finocchietto selvatico, peperoncino e aglio, unico inconveniente che vanno consumate nel giro di poco tempo, io non ho probblemi……ghiotta come son di olive :) Le ho assaggiate da un amica e mi son piaciute molto, ne ho fatto 2 vasetti vi sapro dire tra parecchi mesi :)
    Mi siete mancati tutti !!!!!!


  8. chicca66 9 novembre 2008 alle 21:29

    Mi son dimenticata una cosa importante nella ricetta della salamoia, quando le togliete dalla salamoia ricordate che vanno sempre risciacquate e se volete renderle meno salate potete lasciarle a bagno un attimo in un poco d’acqua :)


  9. Paola 9 novembre 2008 alle 21:29

    Ciao Chicca!!! Che foto meravigliose!!! Grazie, la Sicilia è veramente splendida. Come sta nonno Quinto? Facci sapere. E la tua dolce metà come si chiama??? Eh uomo fortunato!!!
    Allora, quando iniziamo a postare le nostre foto?
    Un bacione


  10. chicca66 9 novembre 2008 alle 21:55

    Ciao Paola, il nonno Quinto è tornato dall’ospedale deve rimettersi in forza, l’intervento è andato bene!!! La mia dolce metà si chiama Antonio, chiamato semplicemente Nino, Spero di vedere presto le tue creazioni, un altro besos :)


  11. alessandro 12 novembre 2008 alle 15:42

    ciao,ho visto la tua ricetta per la salamoia, siccome tartufando nel web ne ho visto altre che parlano di salamoie di 6-9 mesi che vanno addirittura scalate di sale a varie scadenze, volevo chiederti ” questa tua ricetta ” è definitiva? non va fatto alcunchè oltre la tua semlpice e chiara descrizione?
    grazie dei tuoi consigli
    alex


  12. chicca66 14 novembre 2008 alle 19:47

    Ciao Allessandro, questa salamoia è definitiva, non bisogna più far nulla fino al momento di mangiarle, come ho già detto si formerà uno strato un po’ viscido sopra che rimuoverete e poi vanno risciacquate prima di mangiarle :) Salutone


  13. lucia 17 novembre 2008 alle 18:47

    siccome mi sono infortunata al ginocchio e sono ferma a letto, sto spulciando le varie ricette per la salamoia e ne ho trovata tante e complicate. io come al solito ne faccio una che è un misto di tutte. eccola : faccio una salamoia al 10 % cioè 100 gr sale per un litro di acqua e ci metto le olive per circa un mese, poi butto via la salamoia e ne faccio un’altra uguale però facendo bollire con il sale e l’acqua timo, alloro, rosmarino in modo che questa salamioa nuova sia aromatizzata. lasciare al solito altri due mesi circa. alcuni ci mettono finocchietto e aglio con la buccia. buon appetito


  14. Chicca66 18 novembre 2008 alle 21:00

    Ciao Lucia, la tua salamoia è praticamente come la mia solo che noi mettiamo gli aromi gia subito e non facciamo più nulla, terro comunque presente, sperando che quelle che ho fatto vengano buone :)


  15. rita 23 novembre 2008 alle 20:12

    ho messo le olive nei vasetti con la salamoia (dopo averle lasciate a bagno in acqua per circa una settimana), ad un certo punto ho visto i tappi gonfiarsi,pensavo che esplodessero! LI ho aperti e sembrava il gas delle bevande alcoliche;qualcuno sa dirmi cosa devo fare e se a questo punto le devo buttare?
    Grazie


  16. Rita 23 novembre 2008 alle 20:24

    Cerco consigli
    dopo aver lasciato a bagno in acqua una settimana delle olive verdi,le ho messe nei vasetti a chiusura ermetica con la salamoia, ma dopo qualche giorno ho notato che le capsule erano gonfie. Pensavo che esplodessero quindi ho aperto il tutto ed è fuoriuscito un gas come quando si apre una bevanda alcolica.
    Qualcuno sa dirmi cosa devo fare?


  17. Chicca66 24 novembre 2008 alle 20:31

    Ciao Rita, per la mia ancor poca esperienza con le olive non sono sicura della mia risposta, ma le olive in salamoia che abbiamo fatto noi e quelle che fino l’anno scorso aveva fatto il nonno Quinto, non sono mai state chiuse ermeticamente fino al momento che son pronte da mangiare, mi spiego: quelle che ha fatto l’anno scorso mio suocero (il nonno Quinto), trascorso il tempo di salamoia nella tinozza le abbiamo portate a Como dalla Sicilia in un bidone di acciaio,tipo quelli che si usano per l’olio o per il trasporto del latte, hai presente? E io ora dopo praticamente un anno quando me le faccio dare le tengo in un vaso con un po’ della loro salamoia, ma dopo tutti questi mesi non fermentano più. Prova a lasciarle nella loro salamoia senza chiuderle ermeticamente, rileggi il procedimento di come abbiamo fatto noi, magari sono recuperabili, ma devi lasciarle stare per un po’ di mesi. Io sono anni che mangio le olive del nonno Quinto e credimi sono uno spettaccolo, spero che vengano così anche quelle che ho fatto io :) Spero di esserti stata utile, un saluto


  18. Alberto 26 novembre 2008 alle 15:25

    Anch’io le ho raccolte, però in Liguria. Ciao.


  19. santacruz 5 dicembre 2008 alle 01:56

    Anchio le ho raccolte, però a Gorizia. Ciaoù

    :-)))


  20. Chicca66 5 dicembre 2008 alle 14:49

    Ciao Alberto, sono andata a sbirciare il tuo blog, complimenti!
    Non sapevo la storia della papata, a me avevano detto di mettere un uovo e quando questi galleggiava la salamoia era pronta :) Ma dimmi poi cosa ci metti tu nella salamoia?
    Un saluto anche a santacruz :)


  21. Roberta 17 dicembre 2008 alle 13:34
    Roberta

    ho visto troppo tardi questa ricetta sennò l’avrei provata anche xchè è decisamente più sbrigativa (anche se poi bisogna attendere di più) rispetto alle olive schiacciate che abbiamo fatto noi. Cmq se in giro trovo ancora delle olive nere la provo senz’altro.


  22. Chicca66 17 dicembre 2008 alle 18:25
    Chicca66

    Già hai proprio ragione Roby, l’attesa è tremenda per una divoratrice di olive come me………e dietro di me c’è la mia peste al quale devo nasconderle :)


  23. lucia 5 gennaio 2009 alle 01:38

    ciao a tutti. ho assaggiato le famose olive dopo aver rimosso quello strato di muffa grigia che le ricopriva. sono fantastiche ! solo che penso di metterle un po a bagno in acqua pura prima di mangiarle perchè mi sembrano un po troppo salate e sciacquarle non basta : sono salate dentro ! magari ammollo solo la quantità che voglio usare a breve. che ne dite ?
    chi mi consiglia come condirle una volta pronte ?
    grazie e buon appetito a tuttiiiiii


  24. marco 5 gennaio 2009 alle 02:12

    ricetta da provare .io non ci credevo, ma…funziona davvero !!!
    bollire per circa 20 minuti 3 o 4 limoni con 200gr sale e 400 gr acqua.
    aggiungere 200 gr aceto e frullare il tutto con frullatore ad immersione. sapete che cosa è ???
    Un ottimo sapone ecologico per la lavastoviglie, ovviamente non tossico per noi e non inquinante.
    Se non credete che funziona, provate !!!


  25. Sauro Martella 5 gennaio 2009 alle 10:32

    Salve Marco,
    ne avevamo già parlato: http://www.cosmeticoblog.it/2008/05/11/lavapiatti-al-limone/
    ma ovviamente ogni variante è la benvenuta…
    :-)


  26. Franco 9 gennaio 2009 alle 17:22

    Ciao chicca 66,tempo fà ho comprato degli olivi per farli in salamoia tipo alla siciliana,(aglio,limone,peperoncino,finocchio selvaggio)ma per motivi di tempo non ho fatto niente.Adesso le olivi sono diventati neri,cosa ne faccio?Posso ancora farli sott’olio con l’origano? Dammi un consiglio,Grazie! Ciao da Franco di Mulhouse (Francia).


  27. Paola 9 gennaio 2009 alle 18:05

    Ciao Marta! Ma che bel frugolino!!!
    Chicca salutami Antonio!


  28. Chicca66 9 gennaio 2009 alle 18:56
    Chicca66

    Ciao Paoletta ti saluta Antonio!!!
    Per Franco: domani verrà postata un altra ricetta per fare le olive, se le tue olive sono ancora in buone condizioni credo che tu le possa fare ancora alla siciliana, ma se sono appassite un po’ ti consiglio di guardare la ricetta che verrà pubblicata domani, fammi poi sapere che fine faranno le tue olive, salutone :)
    Stasera ragazzi vedrete anche me….spero……fotografo permettendo :)


  29. anna 26 gennaio 2009 alle 11:14

    Anch’io preparo le olive in salamoia, sia verdi che nere, in barattoli di vetro ermetici, ma spesso il gas che si forma è così forte che la salamoia fuoriesce. Forse vanno preparate in contenitori aperti? Qualcuno può rispondermi?


  30. liana58 4 febbraio 2009 alle 21:24

    grazie a tutti per le ricette sulla salamoia che utilizzerò per il prossimo raccolto. Quest’anno ho fatto la mia prima esperienza con la salamoia e …..ho fatto un po’ a caso – 20 gr. di sale fino ogni litro d’acqua – e quindi quando questa mattina dopo 3/4 mesi ho aperto i barattoli mi sono spaventata!!!! in un barattolo la salamoia “friggeva” (l’odore delle olive però era gradevole e ne ho aperta una ma era ancora cruda) l’altro barattolo invece aveva tutta la muffa sopra e un cattivo odore. Che debbo fare? debbo buttare tutto? grazie a chi mi vorrà dare un preziosissimo consiglio


  31. claudio 14 settembre 2009 alle 22:22

    ciao io ho racolto delle olive nel gargano queste estate .sto provando a farle soltanto che io le ho tagliate da un lato le ho tenute sotto sale una settimana e adesso le ho messe con un po di finochiella e acqua sotto sale nel barattolo


  32. paola 15 ottobre 2009 alle 21:08

    ciao a tutti scrivo anch’io dalla sicilia. oggi ho condito le olive quelle nere come mi ha suggerito una mia amica (che qualche tempo fa me ne ha dato un vasetto già pronto e vi assicuro che sono buonissime)e si fanno in 10 minuti. lavate le olive in acqua tiepida, scolatele e distribuitele in dei vasetti in vetro. poi versateci sopra un pugnetto di sale, tappate e scekerate. il sale le cuocerà. ogni tanto voi riprendete i vasetti e scekerate. naturalmente i vasetti vanno riempiti per 3\4.
    una cosa che lei mi ha insegnato e che mi è piaciuta molto è che per calcolare il sale necessario per le olive in salamoia basta sciogliere il sale in un contenitore con l’acqua e immergerci ogni tanto un uovo. quando l’uovo salirà a galla allora è la dose giusta.
    ciao a tutti


  33. Mara 1 novembre 2009 alle 14:00

    ciao mi chiamo mara le olive in salamoia quando sono buone provate a sciacciarle lasciando dentro il nocciolo e condirle con olio,aceto,aglio e menta sono una bonta fatemi sapere ciao


  34. SANTO 2 novembre 2009 alle 19:09

    santo 63
    anch’io faccio la salamoia usando il metodo dell’uovo che galleggia. Funziona perfettamente. Personalmente rinnovo la salamoia a distanza di un mese, completando il tutto con semi di finocchio, peperoncino e aglio (se piace), alloro e, dulcin in fundo, aceto bianco. Vi assicuro un ottimo risultato finale.


  35. SANTO 2 novembre 2009 alle 19:11

    santo 63
    anch’io faccio la salamoia usando il metodo dell’uovo che galleggia. Funziona perfettamente. Personalmente rinnovo la salamoia a distanza di un mese, completando il tutto con semi di finocchio, peperoncino e aglio (se piace), alloro e, dulcis in fundo, aceto bianco. Vi assicuro un ottimo risultato finale.


  36. francesca 22 novembre 2009 alle 16:37

    aiuto!ho fatto dei tagli alle olive,le ho lasciate sotto l’acqua corrente per una settimana e poi ho fatto una salamoia quasi come quella che dite voi,con aglio con la buccia finocchietto peperoncino.ora,a distanza di qualche settimana le olive sono ancora amare,sopra si è formata una muffetta bianca,e non so come andrà a finire…posso sperare che si potranno mangiare?fra quanto?il mio maritino l’anno scorso le ha fatte,senza tagliarle però,e sono squisite.pensate che figura che ci farei.dovrei fare qualche altro passaggio o me ne sto tranquilla ad aspettare?


  37. francy 4 dicembre 2009 alle 08:11

    Nooo!! io allora mi sa che ho sbagliato tutto!!!! mi hanno detto che x perdere l’ amaro dovevo x un mese cambiare l’acqua tutti i giorni.. ora che devo fare? perfavore c’è qualcuno che potrebbe aiutarmi dicendomi a questo punto che devo fare?? ringrazio anticipatamente francy.


  38. maria iaione 1 ottobre 2010 alle 00:54

    anch’io quest’anno ho raccolto le olive.. assolutamente biologiche..ne faro un po in salamoia ed un po con la soda.
    vi faro sapere quali saranno piu’ buone..secondo i miei anziani,le olive vanno raccolte ancora verdi per entrambe le ricette.
    a presto.


  39. Chicca66 1 ottobre 2010 alle 15:10
    Chicca66

    Ciao maria facci sapere, io a fine mese vado in Sicilia anche se quest’anno sui nostri ulivi ci sarà un magro raccolto per cause naturali avverse :-(


  40. gaetano 3 ottobre 2010 alle 19:52

    e’ più facile raccogliere delle olive non ancora mature ma appena diventate nere, meglio la leccino come qualita’ ovviamente da alberi che non hanno subito nessun trattamento, e metterle direttamente in una bottiglia vuota d’acqua in plastica come quelle da due litri disponibili in ogni supermercato; una volta scelte, raccolte e lucidate con le dita possono essere conservate in queste bottiglie dopo averle miscelate con della salamoia preparata a casa precedentemente (la salamoia e’ facile farla con un rapporto di 80 grammi di sale fino per ogni litro litro d’acqua) quindi riempire fino all’orlo e chiudere con il tappo, conservando le bottiglie coricate in luogo asciutto a temperatura costante sempre sotto i 27 gradi, in primavera aprire delicatamente la bottiglia girando gradualmente il tappo, perchè le bottiglie saranno sotto pressione e solo la plastica a differenza del vetro puo’ aver ceduto qualcosa in spazio favorendo il processo sottovuoto, una volta presa l’aria si può tagliare il collo della bottiglia e servire a tavola, in questo modo avrai sempre olive pronte nel quantitativo giusto per la famiglia.


  41. yicela 19 ottobre 2010 alle 19:06

    io o le oleve verde ma non so come conservarlo vorrei farlo uno un po sotto olio e unaltro po sotto sale un consigio per favore grazie


  42. Chicca66 19 ottobre 2010 alle 20:44
    Chicca66

    yicela guarda questa ricetta http://www.veganblog.it/2008/10/26/olive-schiacciate-alivi-scacciati/
    le olive fatte così le puoi conservare anche sott’olio :-P


  43. Lucia 20 ottobre 2010 alle 20:26

    Sono una settimana che ho usato la ricetta di chicca sopra pero’ sono apparse macchie che sembrano di muffa alcune sono verdastre altre bianche, le ho messe in un vaso di vetro che non ho chiuso ho solo messo sopra un foglio di carta perché non entri polvere Sai darmi qualche consiglio


  44. Lucia 20 ottobre 2010 alle 20:29

    Dimenticavo ho usato la ricetta del nov 2008 olive in salamoia


  45. Chicca66 21 ottobre 2010 alle 12:06
    Chicca66

    Lucia mi sembra strano che dovo una settimana sia sucessa questa cosa, solitamente dopo un paio di mesi si forma una specie di melma protettiva sopra la salamoia che è del tutto naturale, melma che poi quando si estraggono le olive naturalmente va tolta!
    Prova a rileggere la ricetta, sei sicura di avere messo sufficiente sale per fare la salamoia??


  46. danielina 24 ottobre 2010 alle 10:20

    ciao, pensavo di far le olive in salamoia tipo post 40 di gaetano. ma non ho capito bene, devo mettere olive finchè ce ne stanno nella bottiglia e poi mettere un pò di salamoia dove ce ne stà, tra un’oliva e l’altra? gli anni scorsi usavo il metodo tradizionale e visto la melma mi schifavo e buttavo via tutto.
    c’è qualche anima buona che mi può aiutare?


  47. Chicca66 24 ottobre 2010 alle 21:10
    Chicca66

    Ciao Danielina mi dispiace ma questo metodo non lo conosco, rischierei di dirti cose sbagliate :-( Io trovo che nonostante la melma che si toglie e si butta sia il sistema più usato per quello che vedo quando vado in Sicili e parlo con chi conserva olive ;-)


  48. danielina 25 ottobre 2010 alle 08:00

    thank you chicca! allora spero che mi legga gaetano così da darmi una dritta! :oops:


  49. Chicca66 25 ottobre 2010 alle 18:56
    Chicca66

    Di nulla danielina, mi dispiace non averti potuto aiutare, speriamo ci legga ancora Gaetano :-P


  50. mauro 31 ottobre 2010 alle 14:13

    ciao sono mauro sto provando per la prima volta a conservare le olive in salamoia, da inesperto ho un dubbio: dopo aver chiuso il vasetto, lo devo pastorizzare oppure no? Ringrazio anticipatamente per l’aiuto.


  51. Chicca66 5 novembre 2010 alle 22:09
    Chicca66

    Ciao Mauro, no il vasetto non deve essere pastorizzato, questo sistema non lo prevede :-)


  52. mario 14 novembre 2010 alle 19:05

    le olive prese dalla mosca si possono conservare??


  53. Chicca66 15 novembre 2010 alle 21:24
    Chicca66

    Ciao mario, noi quest’anno non abbiamo fatto olio per colpa della mosca olearia :-( e da quello che sò io quelle toccate poi possono fare il vermetto quindi non vanno bene per essere conservate…ma io non sono un esperta :-)


  54. mario 16 novembre 2010 alle 17:48

    ti ringrazio, una volta le ho fatte ma erano tutte ingrizite, mi è andata bene, parlo di di vasetti da mezzo kilo, ciao e grazie


  55. Chicca66 17 novembre 2010 alle 21:10
    Chicca66

    Se non ne fai un grosso quantitativo falle mal che vada sai cosa butti ;-)


  56. ballerinavegana 19 novembre 2010 alle 09:45

    ciao chicca io 2 giorni fa ho raccolto le mie olive nere..vorrei provare il tuo metodo..ma sono più di 1/2 Kilo..devo fare cmq la proporzione?..


  57. Chicca66 19 novembre 2010 alle 20:14
    Chicca66

    Ciao cara, se sono più di mezzo chilo dovrai fare un po’ più salamia :-)


  58. mary 21 novembre 2010 alle 20:28

    ho intaccato le olive verdi appena raccolte e le ho messe in vasi in vetro con 100g di sale x ogni litro. Adesso vorrei sapere il barattolo lo devo chiudere. grazie


  59. Chicca66 23 novembre 2010 alle 19:49
    Chicca66

    Ciao Mary il vaso lo puoi chiudere, oppure mettere una garza :-)


  60. Gabriella 7 dicembre 2010 alle 19:46

    Ciao ragazzi,io sono ligure ma le olive che raccolgo nel mio orticello sono proprio tante,faccio tanto olio e sempre una 10 di kg le metto in vari modi in salamoia,la salamoia classica è 100 gr.di sale assolutamente marino,altrimenti marciscono 1 litro d’acqua x 2 kg.di olive.Poi si possono prendere le olive bucherellarle con una forchetta porle in una cassetta da frutta in plastica cospargerle di sale grosso,marino,1 kg x sempre 2 kg.una buccia d’arancio a pezzettini.Ogni giorno scrollarle dopo 40 giorni avranno perso tutta l’acqua e l’amaro si risciacquano,si mettono in acqua fredda 10 giorni sempre cambiando l’acqua,al termine si tolgono dall’acqua si fa la solita salamoia e si invasettano.Sono ottime,sulla pizza oppure gli si tolgono i nocciolini si frullano con una goccia d’olio ,nel mixer ed ecco fatto il patè,ora lo si mette nei barattolini si copre d’olio e si tiene x spalmare sul pane o condire la pasta.Buon Lavoro!!!!!!!!


  61. Chicca66 7 dicembre 2010 alle 21:56
    Chicca66

    Gabriella grazie mille anche per i tuoi preziosi suggerimenti :-)Io ho tanto da imparare sulle olive ;-)


  62. ballerinavegana 12 dicembre 2010 alle 22:44

    ma è normale che si formi in superficie un composto biancastro?


  63. Chicca66 13 dicembre 2010 alle 13:23
    Chicca66

    Si è normalissimo, si crea una muffa che naturalmente quando le consumi devi togliere e lavare bene :-)


  64. salvatore 29 settembre 2011 alle 14:23

    Ciao a tutti le mie sono olive verdi posso farli in salamoia? o devo aspettare che diventino neri? ma non e che marciscono prima di diventare nere?spero avere una risposta subito visto che le ulive li o gia comprati ciao e grazie.


  65. fulvioby MONFALCONE 6 novembre 2011 alle 13:08

    E la prima volta che vorrei tentare a fare le olive in salamoia , mi e stato consigliato di tenerle per circa 40 giorni in acqua fredda da cambiare giornalmente. ma il seguito non e molto mi e molto chiaro,chiedo lumi in merito. Ringrazio anticipatamente chi vuole aiutarmi


  66. Paolo 6 novembre 2011 alle 17:06

    Da anni al momento della raccolta delle olive nel nostro podere, in provincia di Verona, mi vengono alla mente le olive che zia Ciccina ci mandava dalla Sicila quando ero bambino. Quest’anno ho deciso di cercare una ricetta che assomigliasse a quella che era rimasta nei miei ricordi infantili. Navigando su internet mi sono imbattuto nella tua, che mi ha colpito per gli ingredienti, in modo particolare per l’aglio con la buccia che mi ricordava le olive di zia Ciccina, ma sopratutto per le foto dello stupendo panorama con la veduta di Salina e delle altre magnifiche Isole Eolie, che assomiglia tanto a quello che si vede da Ficarra, paese di mia madre.
    Seguendo i tuoi consigli ho messo in salamoia in un vaso di vetro 2 kg di olive nere e sento già l’aquolina in bocca.
    Grazie per la ricetta e per i meravigliosi panorami
    Paolo


  67. lafrancese 9 novembre 2011 alle 09:04

    domanda spero non sciocca ^_^ ma le posso denocciolare prima le olive o è meglio lasciarle intere? ho come l’idea che il sale le possa aggredire troppo da denocciolate
    grazie
    ciao


  68. giuliana caviglia 12 ottobre 2012 alle 15:49

    Ho un problema, per favore rispondetemi: ho raccolto le mie olive liguri, le ho messe in acqua e sale e, seguendo una ricetta che ho sperimentato in passato, ogni settimana dovrò cambiare l’acqua. Solo che aprendo uno dei vasetti dove ho messo le olive con la prima salamoia per cambiarla, ho scoperto che “frizzava”, è pericoloso? Sono andate a male e deov buttarle, secondo voi? o posso continuare a cambiare acqa e sale fino alla preparazione?(circa 40 giorni).


  69. andreina 2 novembre 2012 alle 16:48

    ciao Giuliana, ho letto solo ora la tua richiesta di aiuto.Secondo me se le olive “frizzano” non sono più commestibili.A me è successa questa cosa alcuni anni fa,ed avevo chiuso il barattolo.Ho scoperto poi che è meglio usare una piccola damigiana o un barattolo grande e coprirlo solo con una garza o con un sacchetto di carta;in questo modo avviene una fermentazione e c’è uno scmbio di aria. Saluti Andreina


  70. cinzia 13 novembre 2012 alle 08:09

    Buongiorno a tutti chiedo aiuto ho un albero di olive nere e quest’anno per la prima volta mi ha fatto abbastanza olive (2 kg circa) navigando in internet ho trovato una ricetta che mi sembrava valida le ho messe in uno scolapasta con un peso sopra aggiungendo sale grosso tra uno strato e l’altro e tenute in terrazza a nord perche’ in casa mi sembrava caldo per 15 giorni ora non so cosa fare perche’ mi sembrano ancora amarotiche e guardandole hanno delle macchie piu’ chiare sempre scure sono ancora buone?
    mi potete aiutare?


  71. ida rossi 15 novembre 2012 alle 13:52

    per favore se le olive hanno la mosca oleario si possono ugualmente conservare?


  72. Roberto Canta 19 novembre 2012 alle 16:22

    Si può utilizzare sale fino per la
    preparazione delle olive in salamoia ?
    Grazie.
    Attendo qualificata risposta.


  73. Gacchan 13 novembre 2013 alle 19:07

    mi sa che dovete fare un pò di esperimenti (come faccio io) dato che questi meccanismi biologici mezzo microrganismi non sono facilmente alla nostra portata di gente “civilizzata” che ha imparato ad usare il computer però ha perso le (buone) vecchie Conoscenze della tradizione..
    Da quel che ho visto, il Buon Senso è sempre una buona chiave di tutto, senza impazzire con mille misure ma dandoci regolarmente un occhio senza fare errori, ad es. mi pare che SENZA SODA (cioè solo sale) vengano meglio, anche perchè non siamo un’industria e quindi.. che Almeno ne sfruttiamo i Vantaggi !!



Aggiungi un commento

VeganBlog.it


© NRG30 S.r.l.
P.IVA 06741431008
tel. +39 0636491957
fax +39 0636491958

Info

chi siamo
contattaci
feed RSS feed rss

Show Biz Network

ziogiorgio.it
ziopages.it
zioforum.it
ziobazar.it
ziomusic.it
integrationmag.it

 

ziogiorgio.com
ziopages.com
ziogiorgio.de
ziopages.de
ziogiorgio.es
ziopages.es

 

ziogiorgio.fr
ziopages.fr
chitarristi.com
bassisti.com
lightsoundjournal.com
ziogiorgio.tv

Life Network

promiseland.it
veganblog.it
veganok.com
biodizionario.it

 

veganwiz.com
veganwiz.es
veganwiz.fr